Stangata sui mercatali di Ascea: “Pronti ad agire”

«Le vessazioni continuano, pronti ad agire»

ASCEA. Stangata per i mercatali di Ascea chiamati a pagare a volte anche diverse migliaia di euro realtive alla tassa sui rifiuti. A denunciarlo l’avvocato Giuseppe Russo, a capo dell’associazione Noi Consumatori.

Stangata sui mercatali di Ascea: parla l’avvocato Russo

«I mercatali si sono visti notificare decine di ingiunzioni per mancato pagamento della Tari. Ci chiediamo se è normale che gli ambulanti con le loro bancarelle che lavorano 48 giorni l’anno debbano pagare spazzatura per migliaia di euro, come se avessero una villa in Sardegna», dice Russo.

Il legale cilentano è pronto ad intervenire contro la società che ha avanzato le richieste di pagamento: «Segnaleremo come viene chiesto ai mercatali di pagare una Tari con delle cifre che sono assolutamente esagerate per le quali chiederemo l’intervento della magistratura penale»

«Le vessazioni continuano, i mercatali devono pagare finanche 13 mila euro è troppo. Noi agiremo», ha assicurato il presidente dell’associazione.

CONTINUA A LEGGERE

Costabile Pio Russomando

Studente universitario, iscritto alla facoltà di Lettere, inizia l'attività di giornalista nel 2013, collaborando con alcuni mensili cilentani e occupandosi dell'organizzazione di eventi sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente