Forlenza
Food

La ricetta: ziti alla genovese

Ingannevole il nome di questa antichissima ricetta partenopea legata a più di una leggenda. Una di queste narra che il condimento a base di carne e cipolle sia nato nel XV secolo dalle numerose bettole gestite da cuochi genovesi sul porto di Napoli. Questo piatto oggi è divenuto un a vera e propria prelibatezza, tanto che, si dice che una volta assaggiato non se ne possa più fare a meno.

Vediamo come prepararlo: per 4 persone.

In una pentola a bocca larga far rosolare su di un fondo di olio d’oliva 2 carote con un gambo di sedano grattuggiati, aggiungere poi 500 gr di carne di manzo tagliata a pezzettoni, (la più indicata è la parte finale dello scamone), lasciar rosolare a fiamma vivace poi aggiungere 3 cipolle dorate tagliate a fettine molto sottili, appena le cipolle si imbiondiscono sfumare con un bicchiere grande di vino bianco e lasciare evaporare. Aggiustare di sale. A questo punto aggiungere dell’acqua calda (per non spezzare la cottura della carne e quindi farla indurire). Coprire con un coperchio e lasciar cuocere a fuoco lento per circa 4 ore aggiungendo, ogni volta che si assorbe, dell’acqua (sempre calda). Nel frattempo spezzate gli ziti e non dimenticate che i pezzettini sfaldati sono il boccone migliore. A cottura ultimata condite la pasta con il sughetto e servite aggiungendo la carne.

Un buon “Greco Di Tufo” potrà accompagnare questo delizioso piatto bilanciandone il gusto delicato ma deciso.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Letizia Baeumlin

Appassionata di giornalismo, collabora con InfoCilento dal 2019. Si occupa di attualità, cronaca, eventi e gastronomia. E' sposata, ha due figli e vive a Palinuro. E' appassionata di cucina.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it