Vallo, debiti del Comune: Botti e Serra chiedono chiarimenti

Preoccupa la situazione Sarim, dipendenti potrebbero restare senza stipendio

Qual è la situazione dei pagamenti e dei debiti in capo al Comune di Vallo della Lucania? E’ quanto chiedono i consiglieri comunali Nicola Botti e Francesca Serra all’ufficio ragioneria. Gli esponenti dell’opposizione si soffermano in particolare sui rapporti tra l’Ente e la Sarim. Infatti, secondo quanto denunciato nei giorni scorsi, la società che si occupa della raccolta rifiuti sul territorio potrebbe non poter pagare le mensilità agli operai. Questo a causa della morosità del Comune (leggi qui).

Debiti verso la Sarim, richiesta di chiarimenti

Per questo i consiglieri Botti e Serra hanno chiesto di sapere “a quanto ammontano i debiti nei confronti della Sarim atteso che questa minoranza è stata contattata, per vie brevi e da diversi mesi, a causa del mancato pagamento del dovuto (l’ultimo pagamento dovrebbe risalire a maggio 2019)”. E ancora ci si chiede “se ci sia o meno la possibilità di pagare la somma dovuta alla Sarim stante l’appresa volontà di quest’ultima di congelare il pagamento delle mensilità ai dipendenti vallesi in attesa del pagamento del dovuto. Tanto in ragione dell’opportunità da parte del Comune a comporre la detta vertenza all’approssimarsi delle festività, consentendo ai lavoratori ed alle loro famiglie di poter beneficiare dello stipendio e della tredicesima mensilità”.

Le altre richieste dei consiglieri comunali

I consiglieri vanno più a fondo della questione e chiedono chiarimenti in merito al pagamento dei debiti fuori bilancio, se le anticipazioni di cassa e le anticipazioni di liquidità siano o meno state restituite. Infine ci si domanda se sia stata pagata la somma prevista nel precetto notificato dalla Provincia di Salerno per circa 51mila euro e relativa alla cosiddetta TEFA. Quest’ultima, essendo prossima alla scadenza, rischierebbe di far avviare un’azione esecutiva.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Costabile Pio Russomando

Studente universitario, iscritto alla facoltà di Lettere, inizia l'attività di giornalista nel 2013, collaborando con alcuni mensili cilentani e occupandosi dell'organizzazione di eventi sul territorio.

Ti potrebbero interessare