Tolomeo
CilentoCronacaIn Primo Piano
Trending

Agropoli, arresto di Vito Strollo: città incredula

L'uomo è in carcere dalla giornata di ieri dopo la denuncia di una donna straniera

È finito in carcere Vito Strollo, l’operatore socio sanitario di 57 anni accusato di avere violentato una paziente mentre era ricoverata nella ex clinica Manzoni di Agropoli. L’uomo da ieri mattina è rinchiuso nel carcere di Vallo della Lucania. Ad arrestarlo i carabinieri di Agropoli su disposizione della procura della Repubblica di Vallo della Lucania. L’indagine è partita a seguito della denuncia presentata da una donna di nazionalità straniera, Lenuta T. di 55 anni residente a Castellabate.

La vicenda

Agli inizi del mese di luglio la donna si presentò al pronto soccorso dell’ospedale di Agropoli dove denunciò di essere stata violentata nella clinica privata di Agropoli. La 55enne fu subito trasferita in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale San Luca di Vallo dove le furono accertate lesioni nelle parti intime e dunque la violenza sessuale. La vittima era stata ricoverata per qualche giorni nella struttura di Agropoli per delle analisi. Fu subito notata ed assistita dall’operatore socio-sanitario. L’uomo, stando alle accuse, si mostrò gentile ed disponibile, facendole continuamente apprezzamenti. Le diceva che era una bella donna, la riempiva di complimenti poi si sarebbe  trasformato in un mostro. Nella denuncia presentata ai carabinieri la ricostruzione minuziosa della violenza subita.

La denuncia della donna

«È venuto in camera – denuncia la donna – con la scusa di accendermi il televisore. Poi è tornato per portarmi dei fazzoletti di carta. Li sistemò in bagno e mi chiamò con la scusa di farmi vedere una cosa. Quando misi piede in bagno chiuse la porta e mi obbligò ad avere un rapporto sessuale. Sentivo le sue mani dappertutto. Piangevo ma lui è andato avanti fin quando ho visto che perdevo sangue dalle parti intime. Quando ha finito si è pulito e se n’è andato senza dire nulla». Secondo la ricostruzione della donna l’uomo dopo qualche ora sarebbe tornato nella camera, avrebbe tentato di violentarla una seconda volta ma non riuscendoci la spinse contro un muro costringendola a toccarlo nelle parti intime fino a soddisfarlo. Una descrizione minuziosa della violenza subita e subito riferita al personale medico in servizio presso la clinica a cui la donna si rivolse per chiedere aiuto. Era sotto choc. Stava male. Le diedero degli antidolorifici per farla stare meglio. La vittima denunciò quanto le era accaduto alla direzione della struttura sanitaria ma le avrebbero chiesto però di non riferire il fatto ai carabinieri assicurandole che l’infermiere sarebbe stato licenziato. Quando è stata dimessa la 55enne ha trovato la forza di denunciare la violenza subita.

La donna identificò subito il suo aggressore: «Non sapevo nemmeno come si chiamasse, ho capito solo che era sposato perché è venuta la moglie a prendere le sue difese. Lui non si è giustificato, mi ha detto solo perché hai fatto questo?».

Città incredula

L’uomo è conosciuto ad Agropoli, il suo arresto ha stupito tutti. È impegnato in molte attività di volontariato anche sulle ambulanze. In molti si sono schierati dalla sua parte, ritengono che la ricostruzione della donna non sia fedele.

Una triste vicenda sulla quale stanno lavorando anche le assistenti del Centro Antiviolenza del locale Piano di Zona di Vallo della Lucania. Lenuta è sposata e risiede a Castellabate da diversi anni.

Tags

8 commenti

  1. è talmente una questione delicata che nessuno dovrebbe commentare , perdonatemi ..io sono un incredula,conosco le persone chiamate in causa e stento a poter immaginare che possa essere vero violenza carnale è uno degli atti più crudele .La signora in questione afferma qualcosa di totalmente inverosimile
    …lei sta asserendo che anche il personale della clinica sarebbe complice?

    1. lei prima dice che “nessuno dovrebbe commentare” e poi si lascia ad un’affermazione molto forte “la signora in questione afferma qualcosa di totalmente inverosimile”. Per fortuna ha scritto solo 3 righe nel suo commento!!!

  2. Scusate ma perché dovete giudicare?Essendo straniera non può essere creduta non ho capito?Se era una donna italiana lo avrebbero creduta tutti?Buona giornata

  3. Scusate la mia ignoranza,non voglio giustificare ne il signor Vito ne la signora che ha subito la presunta violenza , ma quando una donna capisce che sta x subire una violenza o la sta già subendo, non dovrebbe dimenarsi,difendere coi denti e con le unghie gridando a squarciagola????? Eppure erano in un logo dove se uno fa una scorreggia la sente anche la guardia giurata giù all entrata. Quindi,che verifichino bene,e che non facciano come sempre la solita giustizia all italiana .

  4. Avrebbe potuto gridare…l’avrebbero sentita tutto….ma non ha fatto niente….mah!!!!

  5. Non ha fatto nulla per difendersi?ma allora qualcosa non quadra!la signora ha riportato troppi dettagli nel raccontare la vicenda chi subisce violenza non subisce uno choc?

  6. Il signor Vito è una persona seria e conosciuta da tante persone.non avrebbe mai fatto un gesto simile . Tutte frottole.chi ha inventato si vergogni

Ti potrebbero interessare

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito