Referendum sulle trivelle, polemiche del M5S: posizione Campania contraddittoria - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Referendum sulle trivelle, polemiche del M5S: posizione Campania contraddittoria

trivelle

Referendum Trivelle, posizione Regione Campania contraddittoria, M5S: I consiglieri delegati Borelli e Ciaramella non rispettano posizione del Consiglio.

Referendum sulle trivelle, polemiche del M5S: posizione Campania contraddittoria

Referendum Trivelle, posizione Regione Campania contraddittoria, M5S: I consiglieri delegati Borelli e Ciaramella non rispettano posizione del Consiglio.

“Non comprendiamo l’inspiegabile posizione assunta dai due consiglieri Borrelli e Ciaramella, delegati dal Consiglio regionale della Campania alla Consulta, che invece di insistere sul conflitto di attribuzione sulla vicenda trivelle hanno sostenuto che se il Governo vuole intervenire per impedire il referendum popolare, la Regione Campania non si opporrà”. La denuncia è di Vincenzo Viglione, consigliere del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania. “Una linea assurda e contraddetta oggi anche dalle parole della Presidente del Consiglio Regionale, Rosa D’Amelio – continua – che è stata molto critica nei confronti della strategia del Governo di voler mettere all’angolo le Regioni su temi tanto importanti sotto il profilo ambientale come quello delle trivellazioni”. “I consiglieri Borrelli e Ciaramella con le loro posizioni individuali e personali non hanno rispettato l’orientamento del Consiglio – sottolinea Viglione – ci tocca costatare che i timori che manifestammo a settembre in Consiglio Regionale erano più che fondati”. “Attraverso la legge di stabilità nazionale dei sei quesiti referendari promossi a settembre da ben dieci regioni, tra cui la Campania, ne è rimasto in vita solo uno – sostiene Viglione – mentre per altri due alcune regioni hanno deciso di sollevare un conflitto di attribuzione”. “Come su rifiuti e inceneritore, la maggioranza del presidente De Luca offre l’ennesima dimostrazione della totale confusione che regna al suo interno e della completa assenza di sinergia con il Governo nazionale – conclude Viglione – . Tutto ciò a conferma che il referendum sulle trivellazioni è stato un infelice tentativo di mascherare la dura battaglia che Regione e Governo, stanno combattendo non sul terreno della tutela delle valli, del mare e delle ricchezze paesaggistiche dei nostri territori, ma su quello degli interessi lobbistici che premono dall’una e dall’altra parte”.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
corteo_biomasse
Corteo contro le biomasse, invito a De Luca: “Se ci tienial nostro paese vieni a Paestum”

scatti_vallo_di_diano
12 scatti per dire no alle trivelle: ecco l’iniziativa

studenti
Scuola: Castelcivita riottiene l’autonomia

Chiudi