Forlenza
CilentoCuriosità

Porto di Agropoli, la statua della Madonna di Costantinopoli

Una storia di fede e tradizione

Il 4 marzo 2020, ignoti e spregevoli personaggi hanno oltraggiato la statua della Madonna di Costantinopoli collocata alla punta del Porto. Hanno imbrattato l’abito con scritte blasfeme, danneggiata la cupoletta della chiesetta ed asportate quattro dita delle mani. Un atto indegno e da condannare aspramente.

La statua fu collocata sul porto di Agropoli l’8 dicembre 2003, giorno dell’Immacolata Concezione, grazie al contributo economico della comunità religiosa di Agropoli. Alla solenne cerimonia presenziarono Sua Eccellenza Monsignore Giuseppe Rocco Favale, Vescovo della Diocesi di Vallo della Lucania; Don Vincenzo Fiumara, Parroco della Parrocchia dei Santi Patroni Pietro e Paolo; Antonio Domini, Vice Sindaco di Agropoli; numerose autorità politiche, militari e civili.

La statua, in gesso resina, alta 4 metri, fu realizzata dalla ditta “Belsanti” di Scafati. Gli scultori dell’azienda da una semplice foto, realizzarono su creta l’immagine della statua nei vari dettagli (altezza, postura, particolari del viso, abiti), modellando a mano l’immagine ed usando piccoli scalpellini, per renderla quanto più somigliante possibile alla foto. Una volta finita la scultura fu creato lo stampo con materiale in gomma e contro forma in vetroresina, per poter realizzare la statua in gesso resina.

Quindi la statua della Madonna di Costantinopoli fu ripulita e controllata nei minimi dettagli per evitare difetti. Sul piedistallo in cemento della statua, rivestito in marmo furono apposte due lapidi commemorative.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Ernesto Apicella

Editore di libri Turistici e Storici. Scrittore e ricercatore di storia locale. Tra le numerose iniziative culturali-sociali da annoverare: l'idea progetto per la realizzazione del Parco Archeologico nel Borgo Antico di Agropoli, di un Museo Civico nel Castello Greco-Bizantino e di un Parco Fluviale nel Fiume Testene. Da sottolineare, l'importante ricerca storico-religiosa sulla presenza di San Francesco d'Assisi ad Agropoli. Nel 2000 ha fondato l'Associazione Sbandieratori Agropolesi. E' amministratore di numerose pagine “Facebook” di promozione turistica, storica e per il tempo libero.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it