Tolomeo
AttualitàCilento

Agropoli, lavori dell’Enel: caos sul Lungomare

Su tutte le furie cittadini e commercianti

A causa di un problema improvviso ad un cavo sotterraneo, operai dell’Enel stanno provvedendo, nell’area di via Risorgimento ad Agropoli (nell’intersezione con via Michelangelo), alla sua sostituzione.

“L’operazione, che risulta improrogabile, verrà portata a termine nel più breve tempo possibile”,fanno sapere da palazzo di città.

Intanto residenti e commercianti sono sul piede di guerra. “Non si possono creare questi disagi il 10 agosto”, dice uno di loro. A finire sotto accusa non solo i lavori ma anche l’assenza di controlli: “siamo completamente abbandonati nel caos più assoluto e non soltanto” è il commento di uno dei tanti cittadini indignati.

Tags

6 commenti

  1. Vuoi vedere che anche adesso è colpa del sindaco? Abbiano bontà i cittadini a non adirarsi con nessuno; non credo che Enel ed il Comune godano nel fatto che si verifichi una interruzione di energia elettrica

    1. Il problema caro Signore e’ nel modo in cui vengono gestiti tali criticita’. Su una strada a dir poco sottodimensionata, per quella che e’ l’utenza nei mesi estivi, non vedere alcun membro della Polizia Municipale a far defluire il traffico (ed evitare parcheggi in terza fila) non e’ certo da paese che vuol fare turismo!!!

  2. Certo che a voi agropolesi non vi biene mai niente! Se l’enel ha fatto sti lavori non penso che li abbiano per piacere personale!

  3. Agropoli è un cantiere continuo, il paese del rumore e del caos.un turismo da piangere, hanno ridotto questa cittadina un colabrodo. Un Trentova che fa piangere , ma di cosa ci vantiamo?

  4. Non e’ la prima volta,vorrei sapere se veramente era urgentissimo l’intervento nella settimana di ferragosto ,riguardo la presenza dei vigili in loco,siamo alle solite, girano per la citta’ consumando benzina senza servire a niente se non a essere pagati inutilmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare