CilentoCronacaIn Primo Piano

Agropoli, bimbo si ferisce in spiaggia con una siringa

Genitori sporgono denuncia contro ignoti

AGROPOLI. Disavventura per una famiglia paganese in vacanza nel comune cilentano. Nei giorni scorsi, infatti, un bambino si è punto ad un piede con una siringa nascosta nella sabbia.

Il piccolo ha avvertito un forte dolore sotto il tallone; le sue grida hanno messo in allarme i genitori e alcuni bagnanti che intervenuti hanno scoperto che il bimbo era rimasto ferito da una siringa che gli si era conficcata nella pianta del piede. E’ stata la mamma ad estrarla e a far scattare l’allarme al 118 con il bambino che è stato trasferito presso il pronto soccorso dell’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Qui la ferita è stata medicata; per fortuna non ci sono ripercussioni sulla sua salute ma il bambino dovrà comunque seguire una cura antibiotica a scopo precauzionale

L’episodio è avvenuto su un tratto di spiaggia libera prossima alla foce del fiume Testene. Sulle sponde del corso d’acqua e dei suoi affluenti più volte era stata segnalata la presenza di siringhe abbandonate da tossicodipendenti. Ci vuole poco affinché queste finiscano nell’acqua e da qui arrivino fino al mare.

I genitori del bambino hanno sporto denuncia contro ignoti.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

4 commenti

  1. La responsabilità della sicurezza delle spiaggia publiche è del comune. Ma questo ai nostri amati amministratori non interessa. Tanto pagheremo noi contribuenti tutte le loro distrazioni.

  2. Può essere una spiacevole casualità… certo… ma ormai Agropoli sta subendo un preoccupante ed inesorabile declino…. da perla e lustro del Cilento sta diventando uno schifo!!! Vivo in zone limitrofe ma ormai non ci vado più… scarsità di parcheggi, atti di vandalismo diffusi alle auto (vittima personale..) spiagge e locali poco e male attrezzati… zingari, sovraffollamento di gentaglia caciarona e maleducata, prostituzione e “case chiuse”!!! Che tristezza!!!

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it