Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Attualità

Autovelox di Agropoli sotto i riflettori dell’anticorruzione. Russo: continua corsa al guadagno facile

Autovelox di Agropoli sotto i riflettori dell’anticorruzione. Russo: continua corsa al guadagno facile

L’esposto di Alberico Gambino riguarda 3 comuni cilentani

L’esposto di Alberico Gambino riguarda 3 comuni cilentani

AGROPOLI. Dovrà essere ora l’Autorità Nazionale Anticorruzione a capire se vi siano o meno irregolarità nel bando per la gestione dell’autovelox di Agropoli. Tutti gli atti sono stati indirizzati all’Anac dall’on. Alberico Gambino il quale ha evidenziato anomalie nella gara d’appalto: non solo quello dell’Unione dei Comuni Alto Cilento (per conto del comune di Agropoli) ma anche di Albanella e Ceraso.

Diverse le presunte irregolarità individuate dal consigliere regionale finalizzate, secondo le sue accuse, a far vincere una determinata impresa. Di qui l’esposto e la constatazione che gli atti siano caratterizzate da “profili di illegittimità palese” in quanto restringono “coscientemente la partecipazioni di più imprese concorrenti”, di fatto “statuendo a priori il vincitore”.

Non è la prima volta che la questione dell’autovelox di Agropoli, posto tra gli svincoli Agropoli Nord e Agropoli Sud, viene portata all’attenzione dell’Anac. Alla “battaglia” per la legalità si è aggiunta anche l’associazione “Noi Consumatori”, guidata dall’avvocato Giuseppe Russo che da tempo è impegnata sulla questione dell’apparecchio per il controllo elettronico della velocità. “Malgrado i risultati ottenuti negli anni passati (3 bocciature ministeriali e l’intervento dell’anti corruzione) – spiega Russo – l’amministrazione di Agropoli con recidiva di condannare, rendere questa corsa al guadagno facile con gli autovelox”.

“Insieme ad Alberico Gambino – prosegue Russo – iniziamo questa nuova battaglia di legalità cercando soprattutto di evitare l’attivazione dell’autovelox fisso”.

“Purtroppo – è l’amara costatazione del presidente dell’Associazione – prendiamo atto di altre realtà che seguono il cattivo, anzi pessimo, esempio di Agropoli”. “Sarà un autunno caldo”, conclude l’avvocato Russo.

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Correlati

Popolari

Top