Montecorice, no ai camper: è polemica

Il sindaco assicura: pronti a trovare delle soluzioni

MONTECORICE. «Sul territorio di Montecorice non vogliono i camper». A dirlo, riportando quelle che sarebbero le parole di un agente di polizia municipale, è un camperista giunto nel comune cilentano per trascorrere il weekend. La famiglia aveva lasciato il mezzo in sosta ad Agnone Cilento. L’arrivo dei caschi bianchi, però, ha costretto i vacanzieri ad andare via.

Camper a Montecorice: la polemica

«Nonostante avevamo pagato il parcheggio per venerdì e sabato, veniamo mandati via. I miei piccoli piangevano per l’ingiustizia! Perché di ingiustizia si tratta!», dice il camperista.

Tutto nasce da un’ordinanza del comune di Montecorice che prevede il divieto di sosta alle autocarovan nella frazione Agnone. L’Associazione Nazionale Camperisti si è già rivolta all’Ente chiedendone la modifica. Il caso rischia ora di finire nelle aule di tribunale.

Il chiarimento del sindaco

Il neo sindaco Flavio Meola ha chiarito di essere «favorevole a trovare soluzioni positive per l’accesso e permanenza dei camper sul territorio comunale».

«Come sindaco, insieme all’amministrazione e agli uffici competenti, mi adopererò per individuare ed attrezzare aree nel territorio per l’accoglienza dei camperisti quale risorsa per il comune e il suo territorio, ma credo sia improbabile per questa estate, atteso che mi sono insediato solo 20 giorni fa».