Agropoli: cura del verde sul Lungomare, arriva sistema di irrigazione ma è polemica

Novità sul Lungomare San Marco di Agropoli ma non mancano perplessità dei cittadini. «Perché solo ora?»

AGROPOLI. Piante secche sul Lungomare San Marco. Un problema che si presenta da anni, determinando non pochi problemi al decoro della città. Con un tempismo che non manca di determinare qualche perplessità, la società partecipata Agropoli Cilento Servizi ha realizzato un sistema automatizzato a goccia.

Ciò garantirà l’irrigazione delle piante, evitando che in particolare nei periodi caldi, ovvero quelli in cui c’è anche una maggiore affluenza di vacanzieri sul territorio, le stesse si presentino secche.
Una buona notizia per la cura del verde pubblico che i cittadini sperano venga estesa anche in altre aree della città.

Non mancano le critiche da parte di chi si domanda se sia una casualità che la società partecipata del Comune di Agropoli stia dando l’impressione di prestare maggiore attenzione al territorio in questi giorni di campagna elettorale e poche settimane dopo la sfiducia all’amministrazione Coppola.

Negli anni precedenti, infatti, proprio manutenzione e decoro hanno suscitato le maggiori critiche ai danni dell’esecutivo. Eppure tali attività erano e sono delegate all’Agropoli Cilento Servizi.

Basti pensare che proprio il verde sul Lungomare negli ultimi tempi è stato oggetto di interventi di manutenzione da parte di alcuni volontari che lamentavano la scarsa cura da parte del Comune e della sua società partecipata.

CONTINUA A LEGGERE

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

2 commenti

  1. Ma chi dovrebbe controllare “Agropoli Cilento Servizi”? A meno che non faccia parte,come credo, della “Casta”che nessuno può toccare ed é solamente uno scrigno di centinaia di voti sicuri, perchè altrimenti non si lavora e di conseguenza non si mette tavola in diverse famiglie di lavoiratori, e purtroppo, tutti sanno e nessuno fa niente.Ma cosa si aspetta?

  2. Tutti fanno quello che gli pare ben sapendo che la Legge “non è uguale per tutti” esiste e viene usata solamente per i fessi, e la magistratura sta a guardareeeeee.

Sostieni l'informazione indipendente