Guardie mediche chiuse nel Cilento: interrogazione di Bilotti al Ministro Speranza

La deputata M5S: «Basta tagli alle aree interne, la sanità va garantita a tutti»

Il Governo intervenga subito per mettere fine al taglio selvaggio delle guardie mediche e per assicurare i livelli minimi di assistenza sanitaria ai cittadini della provincia di Salerno, in particolare ai residenti nei comuni delle aree interne». È quanto chiede Anna Bilotti, deputata del Movimento 5 Stelle, in un’interrogazione presentata al ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo le denunce e gli appelli lanciati da cittadini e sindaci di numerosi comuni del Salernitano, dall’area dei Picentini al Golfo di Policastro, in seguito all’improvvisa sospensione dei presidi di Comunità assistenziale.

«Da fonti di stampa, si apprende che l’Azienda sanitaria locale salernitana giustifica la scelta con “la gravissima carenza di medici che rende impossibile il regolare svolgimento del servizio e quindi inevitabile una temporanea riorganizzazione” – scrive Bilotti nell’interrogazione –. Considerato che in Italia l’attività di servizio sanitario nelle ore notturne viene svolta mediante il servizio di continuità assistenziale di guardia medica, che interviene nella fascia oraria in cui gli studi dei medici di medicina generale sono chiusi e non risultano disponibili i medici di famiglia e che lo stesso Ministero della Salute, nel documento di adesione alla Strategia nazionale aree interne (Snai), tramite precise linee guida, abbia confermato la criticità dell’assistenza nelle aree interne», la parlamentare M5S chiede di sapere «se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti e, considerata la gravità degli stessi, quali urgenti iniziative di competenza intenda adottare per ripristinare i minimi livelli di assistenza sanitaria ai cittadini della provincia di Salerno, quale diritto costituzionalmente garantito».

«È inaccettabile che gli abitanti di questi piccoli comuni dell’entroterra, già fortemente discriminati, debbano essere costretti a rivolgersi al presidio più vicino della Guardia medica per far fronte ad eventuali casi di soccorso con ulteriori disagi – evidenzia Bilotti – Come si fa a sospendere l’attività, ad esempio, in un paese montano come Acerno, distante 18 chilometri da Montecorvino Rovella, dove si trova il centro di guardia medica più vicino, e 30 chilometri dall’ospedale di Battipaglia? O, addirittura, a interrompere il servizio in ben tre comuni interni del Golfo di Policastro (Torre Orsaia, Celle di Bulgheria e Morigerati)? E tutto ciò in piena estate, proprio quando questi piccoli borghi si ripopolano e quasi raddoppiano le presenze per il rientro dei residenti e l’afflusso di turisti. Ecco perché è necessario intervenire subito: l’assistenza sanitaria minima è un diritto di tutti e va ripristinata e assicurata al più presto».

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!