AttualitàCilento

Vallo: concessi locali comunali per assistere pazienti affetti da Covid 19

Sul territorio comunale una nuova sede USCA, Unità Speciale di Continuità Assistenziale

Il Comune di Vallo della Lucania, con a capo il sindaco Antonio Aloia, ha deciso di mettere a disposizione della locale ASL a titolo gratuito, temporaneamente, fino al termine dell’emergenza Covid-19, i locali dell’edificio di proprietà comunale in via Stefano Passero, per permettere l’insediamento della Unità Speciale (USCA) preposta alla gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero.
Si tratta di una sorta di guardia medica speciale che avrà il compito di garantire 7 giorni su 7, l’assistenza territoriale dei pazienti affetti da Covid-19.

L’USCA è costituita da un numero di medici pari a quelli già presenti nella sede di continuità assistenziale prescelta e vi possono far parte i medici titolari o supplenti di continuità assistenziale, i medici che frequentano il corso di formazione specifica in medicina generale e, in via residuale, i laureati in medicina e chirurgia abilitati e iscritti all’ordine di competenza, con il compito della gestione domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero. In particolare saranno effettuati consulti telefonici, video consulti e visite domiciliari.

I lavori, comprese le forniture occorrenti, per l’adattamento dei locali individuati ad Unità Speciale di Continuità Assistenziale saranno eseguiti in economia e comprendono tra l’altro la trasformazione di una finestra in seconda porta di ingresso al locale dotato di servizi igienici, dove installare un piatto doccia, la ritinteggiatura delle pareti interne e la riparazione della rampa e degli scalini all’esterno dell’ingresso principale con relative forniture.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it