Majestic
CilentoCuriosità

Agropoli, la “Cocca” genovese (XV secolo) ci regala parte del Timone di poppa

In questi ultimi giorni stiamo raccogliendo sulla spiaggia della zona “Lido Azzurro”, numerose parti di fasciame della “Cocca” genovese, nave da trasporto affondata nel 1491 (XV secolo), nella zona di mare compresa tra la Licina ed il Fortino.

 

Martedì 30 giugno, Carlo Scalzone, oramai “guardiano” del Relitto, mi ha chiamato per l’ennesimo spiaggiamento di un reperto della “Cocca” genovese. Il reperto è stato recuperato, a pochi metri dalla battigia, da alcuni giovani turisti e messo in sicurezza dai bagnini del Lido Azzurro. E’ probabile, in base alla sua conformazione e alla presenza di alcuni fermi o chiodi ben conservati, che sia parte del timone posto a poppa della “Cocca” genovese.

Ricordo agli amici lettori che il 15 giugno, presso il Lido Oasi, fu ritrovato, in base alla forma e alla lunghezza del reperto, quello che potrebbe essere un Madiere della nave, lungo circa tre metri, ben conservato e con dei chiodi di ferro ribattuti.

Il 22 giugno, dopo la pulizia della spiaggia, i bagnini del “Lido Azzurro”, recuperarono un altro pezzo di fasciame del relitto della “Cocca” genovese.

Dei vari ritrovamenti è stato informato il Comandante della Polizia Municipale, Carmine Di Biasi, che ha incaricato Agropoli Servizi per il recupero e la messa in sicurezza dei reperti.
Ieri 2 Luglio, alle ore 18.00, abbiamo recuperato i vari reperti presso il Lido Azzurro e Lido Oasi. Erano presenti il maresciallo Fabio Astone, della Polizia Municipale di Agropoli, la Dott.ssa Flaminia Arcuri, archeologa e ricercatrice, ed un esponente di Agropoli Servizi. I reperti sono stati trasportati nell’Antiquarium di Agropoli, per la custodia, in attesa di un restauro conservativo. Un ringraziamento, per l’attenzione prestata alla salvaguardia ed al recupero dei reperti archeologici, al Sindaco del Comune di Agropoli, Dott. Adamo Coppola e all’Assessore alle Politiche Economiche e Finanziarie, Dott. Roberto Mutalipassi.

E’ facile ritenere che oramai la chiglia del relitto, ritrovato nel 2000, sia irrecuperabile. Negli anni passati, era stata creata una gabbia di pietre per bloccare lo sfaldamento del relitto, purtroppo non è servita.

Il fasciame ritrovato e che ho puntualmente censito dal 2017, è stato recuperato e depositato nell’Antiquarium, grazie all’intervento della Polizia Municipale di Agropoli.

Per saperne di più sulla storia della “Cocca” genovese, ecco il mio articolo uscito il 31 agosto 2016 su “InfoCilento”. Clicca qui

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Ernesto Apicella

Editore di libri Turistici e Storici. Scrittore e ricercatore di storia locale. Tra le numerose iniziative culturali-sociali da annoverare: l'idea progetto per la realizzazione del Parco Archeologico nel Borgo Antico di Agropoli, di un Museo Civico nel Castello Greco-Bizantino e di un Parco Fluviale nel Fiume Testene. Da sottolineare, l'importante ricerca storico-religiosa sulla presenza di San Francesco d'Assisi ad Agropoli. Nel 2000 ha fondato l'Associazione Sbandieratori Agropolesi. E' amministratore di numerose pagine “Facebook” di promozione turistica, storica e per il tempo libero.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it