Bufera sulla Regione, FDI-AN: "Campania come Nicaragua" - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Homepage

Bufera sulla Regione, FDI-AN: “Campania come Nicaragua”

antonio_iannone

l Presidente Regionale Campania di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Antonio Iannone, è intervenuto sulla bufera giudiziaria che sta riguardando la Regione.: “Solo De Luca aveva bisogno della conferma che Mastursi non fosse Churchill o Cavour, noi tutti eravamo consapevoli che Mastursi fosse solo il suo degno capo segreteria e rappresentante della segreteria regionale del PD”, ha detto.

Bufera sulla Regione, FDI-AN: “Campania come Nicaragua”

Il Presidente Regionale Campania di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Antonio Iannone, è intervenuto sulla bufera giudiziaria che sta riguardando la Regione.: “Solo De Luca aveva bisogno della conferma che Mastursi non fosse Churchill o Cavour, noi tutti eravamo consapevoli che Mastursi fosse solo il suo degno capo segreteria e rappresentante della segreteria regionale del PD”, ha detto.

“Il governatore sub iudice della Campania, tuttavia, dovrebbe preoccuparsi non di fare ironie ma di cosa potrebbe dire l’esito di questa nuova indagine che lo riguarda – ha aggiunto Iannone – Lo scenario é inquietante, ci potrebbe essere un magistrato che é stato corrotto con un incarico nella sanità campana dato ad un suo familiare per pronunciarsi favorevolmente su De Luca, roba da paesi centro-sudamericani di un tempo. Alla faccia del rispetto della legalità, della politica a testa alta, del mai più ultimi nella sanità, dei reati linguistici commessi per salvare i territori e gli imprenditori dalle lungaggini burocratiche e dalla palude amministrativa, della capacità di scegliere collaboratori competenti e di specchiata moralità”.

“La storia di De Luca dice che è uno sterminatore di avvisi di garanzia – evidenzia il segretario di FDI – AN – un ipocrita seriale come dimostrano anche i silenzi delle ultime ore interrotti solo dal puerile comunicato stampa in cui si riferiva che Mastursi si dimetteva da capo della segreteria per poter seguire a pieno l’incarico di partito”.

“Da oggi, dunque, ci aspettiamo di vedere Mastursi a fianco dell’On. Assunta Tartaglione, Segretario Regionale del PD, ad organizzare le liste da presentare alle prossime elezioni Amministrative che riguarderanno molti Comuni della Campania. Tutto questo, naturalmente, con buona pace del rinnovatore della politica italiana, del rottamatore dei vecchi costumi e della corruzione della politica italiana, quel Matteo Renzi che a Roma ha giubilato Marino indagato per l’utilizzo della carta di credito. Ormai tutti hanno capito qual é il cambiamento di cui sono portatori gli uomini del PD a Roma, a Napoli, a Salerno ed in ogni angolo della nostra Nazione. Questi quattro mesi di Governo regionale hanno battuto ogni record di inutilità con un Presidente intento solo a salvarsi dagli effetti della Legge Severino, Assessori Regionali sconosciuti e i cui cognomi sono ancora ignoti anche alla memoria degli addetti ai lavori, Consiglieri Regionali di maggioranza impegnati esclusivamente a fare le ancelle insoddisfatte di un Vicepresidente in attesa del peggio per trasformarsi in Maresciallo d’alloggio”.

“A questo punto – conclude Iannone – sarebbe meglio un guizzo di dignità politica con dimissioni irrevocabili”.

Top
Ti suggeriamo di leggere Homepage, Politica
pompieri_notte
Auto a fuoco nel traffico, salvo un giovane

fatti_vostri
Star in Cina: il cilentano Antonio Voria approda a “I Fatti Vostri”

treno
Cilento: tirano il freno dell’Intercity e fuggono nelle campagne

Chiudi