Ospedale di Agropoli: scongiurata la rimozione del mammografo

Il mammografo conservato presso l’ospedale civile di Agropoli, non verrà portato via. È quanto emerso a margine di un colloquio tra il sindaco di Agropoli Adamo Coppola e il direttore generale dell’Asl Salerno Mario Iervolino. Era stato il consigliere comunale della Lega Gisella Botticchio a lanciare l’allarme. Dagli atti in suo possesso, infatti, era emerso che l’apparecchio sarebbe stato trasferito a Salerno. 

Ciò poiché, di fatto, il mammografo attualmente presente ad Agropoli è inutilizzato, essendo conservato presso l’ala COVID del presidio ospedaliero. 

Pertanto, vista la necessità di sostituire quello guasto a Battipaglia, l’Asl aveva deciso di prelevare momentaneamente lo strumento in dotazione ad Agropoli, fino alla sua sostituzione.

Il primo cittadino, appresa la notizia, si è sincerato di queste ipotesi considerato che se è vero che l’ospedale di Agropoli resterà covid anche dopo il 31 dicembre, visto che l’andamento della pandemia non sembra possa far sperare in una fine dello stato di emergenza, l’obiettivo è quello di chiedere la riattivazione entro il 2022 almeno di alcuni reparti (come la medicina generale) e taluni servizi, tra questi quelli legati alle mammografie. 

Fino a fine anno, quindi, il mammografo non verrà portato via, poi se ne riparlerà. 

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.