Agropoli, accusato di favoreggiamento: prosciolto dopo 5 anni

Per lui anche risarcimento per ingiusta detenzione

AGROPOLI. La Corte d’Appello di Salerno, dopo aver confermato l’assoluzione, ha previsto anche un risarcimento per circa 2mila euro in favore di Niki Bonfrisco per ingiusta detenzione.

Il giovane agropolese nel novembre del 2013, fu arrestato insieme al 42enne napoletano S. C. e due rumeni: S.A. e D.F. rispettivamente di 28 e 24 anni. Secondo le accuse Bonfrisco avrebbe aiutato quest’ultimo a recuperare dei cavi di rame rubati dai due complici e abbandonati lungo la A3. A scoprirli fu la Polizia, nei pressi dello svincolo di Sicignano degli Alburni. Per tutti scattarono le manette.

Poi l’assoluzione per il ragazzo agropolese perché, secondo i giudici, il suo comportamento fu dovuto solo ad un gesto di altruismo. Cadute, dunque, le accuse di favoreggiamento ed ora arriva anche un risarcimento per ingiusta detenzione riconosciuto dalla Corte d’Appello.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!