Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Attualità

Il comune di Sanza attiva il doposcuola per i giovani studenti

Il comune di Sanza attiva il doposcuola per i giovani studenti

Il servizio affidato a due giovani del servizio civile

Il servizio affidato a due giovani del servizio civile

SANZA. Proseguirà fino alla fine del 2017 e successivamente si lavorerà per garantire il prezioso supporto agli alunni fino alla fine dell’anno scolastico, a giugno 2018. E’ il doposcuola che il pomeriggio si tiene presso la locale biblioteca comunale “Giovanna Garozzo e Maria Curcio” frequentato da alunni delle scuole di Sanza, garantito da due giovani del servizio civile che aiutano gli studenti a fare i compiti e ad approfondire argomenti di studio.

Sei ore al giorno, dal lunedì al venerdi, con la possibilità di fare i compiti di effettuare ricerche, di leggere ed analizzare libri di testo. Un luogo importate, la biblioteca comunale, dove i ragazzi si ritrovano e condividono esperienze trasformando il momento dei compiti in un lavoro collettivo di condivisione degli argomenti.

“Un servizio che abbiamo inteso garantire e che vogliamo potenziare a favore dei più giovani della nostra comunità – ha riferito il sindaco Vittorio Esposito – il futuro si gioca sulla linea sottile della qualità culturale delle nuove generazioni; un punto fermo nel percorso di crescita della nostra comunità. A breve, con il supporto dell’assessorato alle politiche sociali, offriremo ai ragazzi anche la visione di film e documentari che saranno proiettati e discussi con i ragazzi. Siamo orgogliosi di questo servizio che arricchisce i nostri giovani e li rende protagonisti di un percorso di inclusione sociale togliendoli dalla strada ma anzi, spingendoli nella costruzione dello spirito di comunità, quanto mai necessario per attuare quel necessario cambiamento che è alla base della nostra visione di futuro” ha concluso il sindaco Esposito.

1 Commento

1 Commento

  1. Maria Elena curzio

    16 novembre 2017 a 7:51

    Lodevole iniziativa spero siate da esempio ad altri Comuni x fare grandi cose ci vogliono piccoli investimenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Correlati

Popolari

Top