Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Attualità

Anche il Carnevale di Agropoli protagonista di una giornata di studio sui carnevali del Mezzogiorno

Anche il Carnevale di Agropoli protagonista di una giornata di studio sui carnevali del Mezzogiorno

L’iniziativa tenutasi a Palazzo Reale di Napoli

L’iniziativa tenutasi a Palazzo Reale di Napoli

A Napoli, al Palazzo Reale, l’ Università degli studi di Napoli Federico II e il Centro Interdipartimentale Di Ricerca In Urbanistica ‘Alberto Calza Bini’ ICOMOS Italia in collaborazione con ARF ART hanno organizzato la Giornata di Studio ‘Carnevali in Campania e nel Mezzogiorno’.

Presenti il Carnevale di Putignano, Ente Carnevalesca di Fano, Carnevale di Mainz , Museo di Pulcinella di Acerra, Gran Carnevale Maiorese, Carnevale di Palma Campania, Il carnevale di Saviano, il Carnevale di Agropoli, il carnevale Princeps Irpino, la ‘Zeza di Capriglia Irpina’, la Fondazione Cento Carnivali Irpini, la scuola di tarantella di Montemarano.

Il consigliere dell’ Associazione il Carro di Agropoli, Fabio Bianco ha tenuto la relazione dal titolo ‘Il Carnevale Di Agropoli e La sua Maschera Leggendaria. Festa di Popolo e Creatività Artigianale’ a cui ha fatto seguito la visione del video documentario ‘Carnevale di Agropoli’ realizzato da Mekanè Produzioni di Attilio Rossi. Anche il Carnevale di Agropoli si inserisce nella piattaforma di Europa Creativa ‘Ephemeral Heritage of the European Carnivals Rituals’ progetto europeo che vede capofila l’Università di Valencia e nasce per promuovere e mettere in rete i rappresentanti dei Carnevali storici europei.’È stata oltre che una giornata di approfondimento e confronto – dichiara Fabio Bianco – anche un’ occasione di rilancio del nostro amato Carnevale che cresce ormai in maniera esponenziale. Tante le persone coinvolte, oltre 200 volontari che lavorano per mesi alla buona riuscita della manifestazione, due importanti premi ricevuti, il premio nazionale Carnevali d’italia e il premio Cilentano ‘Primula d’oro sezione eventi’ , migliaia di visitatori che arrivano da ogni parte d’Italia sono uno stimolo a fare sempre meglio’.

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Correlati

Top