Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Ciccimmaretati - Stio
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Alburni

Vandalizzata tomba dell’ex presidente della Bcc Monte Pruno

Vandalizzata tomba dell’ex presidente della Bcc Monte Pruno

«Chi ha visto, denunci»

Vandalizzata tomba dell’ex presidente della Bcc Monte Pruno

La famiglia: «Chi ha visto, denunci»

CORLETO MONFORTE. «Chi ha visto, denunci». È l’appello accorato di Antonietta Mordente, figlia del compianto Filippo Mordente, già presidente della Banca Monte Pruno di Roscigno scomparso nel 2015, la cui tomba è stata vandalizzata. « Prima di sapere chi è stato a commettere tale gesto, vorremmo capire il perché- dichiara Antonietta- E’ come se papà fosse morto per la seconda volta».

L’amministrazione, guidata da Antonio Sicilia, stigmatizza con fermezza il vile atto che ha deturpato e danneggiato la foto apposta sulla lapide del compianto Mordente che «immeritatamente ed inspiegabilmente ha ricevuto questo atto di sciacallaggio, unitamente alla propria famiglia- dichiarano gli amministratori- siamo a disposizione sia dei familiari che dell’autorità giudiziaria per contribuire, con ogni possibile aiuto, a smascherare l’autore dell’atto ignobile». Filippo Mordente è stato presidente della Monte Pruno dal 1994 al 2013, poi presidente onorario dal 2013 al 2015 e prima ancora direttore dell’ufficio di collocamento di Corleto Monforte e Roccadaspide, nonché giudice di pace a Sant’Angelo a Fasanella. « Mordente è stato un uomo generoso, sensibile.- ricorda Michele Albanese, direttore generale della Bcc Monte Pruno- Con il suo impegno costante a sostegno del territorio, con le sue non comuni doti di uomo e di amministratore si è sempre prodigato per la costruzione del bene comune.

Chi ha commesso lo sfregio è solo un vile». A scoprire l’accaduto alcuni cittadini, domenica mattina, che si sono recati al cimitero per un saluto ai propri cari. « Considero un simile accaduto come un brutto sintomo di degrado, non solo sociale ma anche etico e umano.- continua Antonietta- Ci si sente in diritto di fare tutto a tutti senza nessun rispetto o remora per i ricordi e gli affetti più intimi, nonché per la sacralità rappresentata dalle spoglie dei defunti». Intanto i familiari del defunto hanno sporto denuncia presso la stazione dei carabinieri di Bellosguardo. L’atto di inciviltà è stato oggetto di unanime condanna da parte della comunità corletana e non solo. Sull’accaduto indagano gli inquirenti.

Commenti

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri contenuti

Top