Blitz in un caseificio: sequestrate due vasche di raccolta delle acque reflue - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Cronaca

Blitz in un caseificio: sequestrate due vasche di raccolta delle acque reflue

carabinieri_noe

Le acque reflue venivano raccolte in vasche non idonee e si disperdevano nell’ambiente. Ecco cosa hanno scoperto i carabinieri durante un blitz in un caseificio.

Blitz in un caseificio: sequestrate due vasche di raccolta delle acque reflue

Le acque reflue venivano raccolte in vasche non idonee e si disperdevano nell’ambiente. Ecco cosa hanno scoperto i carabinieri durante un blitz in un caseificio.

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno, agli ordini del Capitano Giuseppe Ambrosone, ad Albanella, in esito ad accertamenti disposti dai magistrati della sezione reati ambientali della Procura della Repubblica di Salerno nell’ambito di specifiche attività di controllo circa il rispetto della normativa ambientale nella gestione delle industrie lattiero casearie, hanno apposto i sigilli di sequestro a due vasche di raccolta delle acque reflue industriali prodotte da un noto caseificio del luogo nonché hanno provveduto al sequestro dell’impianto di affumicatura dei prodotti caseari.

L’attività di polizia giudiziaria eseguita dai Carabinieri e che ha portato al sequestro preventivo odierno in esecuzione al decreto del GIP del Tribunale di Salerno, dott.ssa Renata Sessa, è stata coordinata dal sostituto Procuratore dott. Silvio Marco Guarriello, della sezione reati ambientali della Procura Salernitana, guidata dal Procuratore Capo Corrado Lembo.

In particolare, a seguito dei controlli eseguiti dai Carabinieri del N.O.E., si è accertato che le acque reflue industriali prodotte dal ciclo di produzione dell’industria lattiero casearia venivano convogliate e raccolte in due grosse vasche che non erano però di tipo a “tenuta stagna” ma, bensì, consentivano la dispersione sul suolo e nel sottosuolo delle acque raccolte, configurando così l’illecito smaltimento dei rifiuti, ovvero i reflui, della lavorazione industriale.

L’attività ispettiva dei Carabinieri dello speciale reparto a tutela dell’ambiente ha inoltre evidenziato che presso l’azienda vi era in uso impianto di affumicatura dei prodotti caseari senza però che per tale attività l’impianto industriale fosse stato in possesso dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; si è pertanto proceduto in esecuzione al decreto del GIP al sequestro preventivo anche del citato impianto di affumicatura.

In esito agli accertamenti i Carabinieri dello speciale reparto a Tutela dell’Ambiente hanno dunque proceduto al sequestro preventivo di due vasche di raccolta delle acque reflue industriali prodotte dal caseificio nonché al sequestro dell’impianto di affumicatura dei prodotti caseari.

La Procura della Repubblica ha anche emesso informazione di garanzia a carico di una persona, il legale rappresentante dell’azienda lattiero casearia, per la violazioni emerse in ordine ai reati previsti dal D.L.vo n.152/2006 (Codice dell’Ambiente).

Informazione di garanzia emessa dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Salerno a carico della legale rappresentante, indagato per avere, in relazione al reato ex art.256 del d.lgs.152/2006, effettuato ovvero consentito l’illecito smaltimento dei rifiuti, reflui, della lavorazione industriale, nonché per avere, ex art.279 del codice dell’ambiente, tenuto in esercizio un sistema di affumicatura dei prodotti caseari in assenza della prescritta autorizzazione alle emissioni in atmosfera.

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, Homepage
Sassano_panorama
Giubileo della Misericordia: domani apre le porte il Santuario del Cuore Immacolato di Maria

stella_cilento_olive
Cilento: mezzo agricolo perde il carico, sfiorata la tragedia in un frantoio

cartello_frana
La strada per l’ospedale è pericolosa: sindaco chiede interventi

Chiudi