Forlenza
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Ospedale di Agropoli, corsa contro il tempo per la riapertura

Dal primo luglio potrebbero essere attivi i primi servizi

Pronto soccorso potenziato e reparto di rianimazione potrebbero essere attivi in pochi giorni, per il day surgery, invece, sono necessari anche ulteriori interventi strutturali per la modifica di una parete che però richiedono tempi brevi.
Per l’ospedale civile di Agropoli è corsa contro il tempo. Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nella sua consueta diretta del venerdì ha confermato che entro fine giugno il presidio ospedaliero potrà essere attivo con il potenziamento previsto e per questo sta pressando l’Asl Salerno a velocizzare le procedure.

Il problema principale è sempre rappresentato dal personale considerato che mancano infermieri ed altri profili professionali. L’azienda sanitaria, tra manifestazioni di interesse, scorrimento delle graduatorie e trasferimenti, sta colmando i buchi non senza difficoltà.

Dal primo luglio potrebbe essere comunque realtà l’apertura del pronto soccorso con la disponibilità di un cardiologo e rianimatori, nonché laboratori h24. Per altri servizi si attenderà qualche giorno in più, probabilmente la prima decade di luglio. A quel punto arriverà anche il presidente De Luca ad inaugurare la struttura.

Il potenziamento previsto da Asl e Regione non restituirà un vero ospedale alla città di Agropoli e al suo territorio, ma rappresenta comunque un passo avanti rispetto alla situazione attuale.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Gennaro Maiorano

Laureato in ingegneria si occupa di giornalismo dal 2013. Appassionato del Cilento e della sua natura si occupa principalmente di tematiche legate all'ambiente.

4 commenti

  1. Quest’Ospedale,certo, ha subito una chiusura, ma in compenso si sta rifacendo con diverse inaugurazioni di riaperture, speriamo che sia l’ultima.Il Comune di Agropoli, per sopperire alla passione degli ultimi due sindaci,Alfieri e Coppola ,(appunto maniaci delle inaugurazioni)ha messo in bilancio anche la spesa per i km di nastro tricolore occorrente e forbici che facilmente le portano sempre in tasca con loro .Si è giunti al ridicolo, mi dispiace vedere che altre persone prendono parte a questi “riti”,che sono li per sperando che il “sovrano” gli faccia qualche favore.E’ uno schifo.

      1. Servirà soltanto per far si che si perda tempo,poichè si dovrà,per avere un vero aiuto,arrivare sempre a Vallo della Lucania , Battipaglia , Eboli o Roccadaspide ,sempre che ci si arrivi vivi.E’ sempre più uno schifo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it