Tolomeo
CronacaVallo di Diano

Sant’Arsenio: Morte Carlo Vitolo, condannati due infermieri valdianesi e rinviato a giudizio un medico

Assolti tutti gli altri imputati. Ieri la sentenza del GUP del Tribunale di Lagonegro al termine del rito abbreviato

Sant’Arsenio – Dieci assoluzioni, due condanne a 6 mesi di reclusione con pena sospesa per due infermieri di Sant’Arsenio e Montesano sulla Marcellana, il rinvio a giudizio per il medico Amerigo Mazza ed il non luogo a procedere per altri 3 medici. Si è conclusa così oggi presso il Tribunale di Lagonegro, l’udienza preliminare per la morte di Carlo Vitolo, il 40enne di Agropoli deceduto in 4 marzo del 2016 mentre era ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Santissima Annunziata di Sant’Arsenio.

Sul registro degli indagati erano finite 16 persone, 4 medici e 12 infermieri in servizio presso il reparto di psichiatria di Sant’Arsenio. Nei confronti degli indagati l’ipotesi di reato avanzata dalla Procura della Repubblica era quella di omicidio colposo in concorso. Carlo Vitolo era deceduto per un arresto cardiocircolatorio causato da una intossicazione da farmaci. Nello specifico al 40enne sarebbero stati somministrati dei farmaci in dosi di gran lunga superiori al range terapeutico. Per un farmaco la dose somministrata in base a quanto emerso dalle indagini sarebbe superiore di ben 20 volte al limite previsto. Il medico rinviato a giudizio ha già sulle spalle una condanna in appello ad 1 anno e 10 mesi di reclusione per la morte di Franco Mastrogiovanni, il maestro delle elementari sottoposto nel 2009 a trattamento sanitario obbligatorio nell’ospedale di Vallo della Lucania e morto dopo 87 ore di agonia. Buona parte degli imputati, tra questi anche i due infermieri condannati, è stata difesa dall’avvocato Renivaldo Lagreca.

Tags

Un commento

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito