In Primo Piano

Concerto classico napoletano ‘A Canzone ‘e Napule’ ad Auletta

Appuntamento questa sera alle 20.30

Questa sera domenica 21 agosto, alle ore 20.30, il Palazzo Monumentale “Jesus” di Auletta, antica cappella, sede della confraternita del Santissimo Sacramento che è stata attiva ed aperta al culto fino al 1857, di recente recuperato e restaurato per la realizzazione del MIdA 3 ( Musei Integrati dell’ambiente), aprirà le porte per ospitare il concerto classico napoletano ‘A Canzone ‘e Napule – la Canzone napoletana dal 1200 al 1920’, un’interessante e suggestiva rassegna del repertorio canoro partenopeo che parte dalle sue origini, riconducibili intorno al XIII secolo, quando ai tempi della fondazione dell’Università partenopea istituita da Federico II di Svevia (1224), si diffondeva la passione per la poesia e le massaie usavano intonare invocazioni corali rivolte al sole, espressioni spontanee del popolo di Napoli che esprimeva soprattutto la contraddizione tra le bellezze naturali e le difficoltà oggettiva di vita. La Canzone si sviluppò già nel XV secolo quando la lingua napoletana divenne la lingua ufficiale del regno e numerosi musicisti, ispirandosi ai cori popolari, iniziarono a comporre farse, frottole, ballate, e ancora maggiormente dalla fine del Cinquecento, quando la “villanella alla napoletana” conquistò l’Europa, sin alla fine del Settecento. Questa espressione artistica popolare era allora carica di contenuti positivi ed ottimistici e raccontava la vita, il lavoro ed i sentimenti popolari. Fra la seconda metà dell’XIX secolo, così come alla metà del Novecento, la canzone fu oggetto di inclusione, nei suoi temi, di decadentismo, pessimismo e drammatismo ad opera di intellettuali che ne modificarono lo spirito originario. In quel periodo i maggiori musicisti e poeti si cimentano nella composizione di numerose canzoni ponendo le basi per la nascita della canzone classica napoletana, pietra miliare della canzone italiana ed uno dei repertori più conosciuti all’estero.
La voce della serata sarà della cantante Santa Fezza, mentre le musiche saranno eseguite dai musicisti, Bernardo Tramontano al flauto, Gelsomino Fezza al mandolino, Carlo Inglese alla chitarra e Giuseppe Grimaldi al basso acustico.
L’evento, ad ingresso gratuito, è stato organizzato dall’Associazione Artistica Culturale “Arte, Danza e Spettacolo” in collaborazione con il concertino Neapolis, la Fondazione MIdA, ed i Comuni di Auletta e Pertosa.

Ti potrebbero interessare