Montella PrismArredo
CilentoEventi

Carnevale Casalvelinese 2020, tra maschere e sfilate.

Una domenica di festa

A Carnevale ogni scherzo vale“. Quante volte abbiamo sentito questo detto popolare, eppure non tutti sanno che esiste un versione più lunga “che sia uno scherzo che sa di sale”.

Ad ogni modo il Carnevale è una festa tradizionale cattolica, le cui origini sono difficili da decifrare ma che riportano ai tempi dell’antica Roma, quando si celebravano cerimonie pagane in onore del Dio Saturno, i Saturnali.

Dal latino “Carnem levare”, togliere la carne, sta ad indicare l’ultimo martedì grasso, giorno che precede l’inizio del periodo di Quaresima, 40 giorni prima di Pasqua a partire dal mercoledì delle Ceneri. Lasciato alle spalle l’inverno, il Carnevale apre le porte al periodo primaverile e lo fa con entusiasmo, colori ed allegria. Le strade e le piazze di ogni città e paese italiano si riempiono di coriandoli, di maschere e carri allegorici all’insegna della spensieratezza.

A Casal Velino anche quest’anno torna la grande festa di Carnevale. Tutti in strada ad ammirare la sfilata dei carri organizzata dalle varie associazioni presenti sul territorio: Pro loco di Casal Velino, I love Acquavella, A_mare Casal Velino, I like Bivio, Oratorio San Giuseppe Bivio Acquavella e Associazione Carullo.

Domenica 23 febbraio 2020, alle ore 10:30 la sfilata partirà da Casal Velino Capoluogo, alle ore 12:00 si giungerà ad Acquavella, alle 14:00 tappa al Bivio di Acquavella per poi raggiungere tutti insieme, intorno alle ore 15:30 la località Marina, in piazza Grandi Eventi, dove ci sarà tanta musica e balli sfrenati , tra Dj set e Brazilian Show. Una domenica colorata e gioiosa, fatta di puro e semplice divertimento, dove anche i più grandi ritornano ad essere un po’ più piccoli. Quale sarà la maschera più bella? Non resta che scoprilo tutti insieme.

Tags
Continua dopo la pubblicità

Chiara Esposito

Classe 1992 vive a Casal Velino. Da piccola quando le chiedevano “Cosa vuoi fare da grande?” la risposta era unica e sola “l’avvocato”. Così dopo gli studi scientifici si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza all’Università degli Studi di Salerno. Amante della scrittura, divoratrice compulsiva dei libri di Oriana Fallaci ed eternamente bisognosa di umanità, crescendo capisce che forse non sarà la toga da avvocato a renderla realmente felice. Così tra un esame di diritto penale e uno di civile, riapre uno di quei cassetti che aveva accantonato per un po’ di tempo e ricomincia a scrivere. Oggi, di una cosa è più che certa. Se a quella bambina le venisse posta la stessa domanda, con gli occhi vispi e curiosi risponderebbe senza alcun dubbio: “LA GIORNALISTA”.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it