Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Attualità

Castellabate: sindaco ordina sgombero di un senzatetto

Castellabate: sindaco ordina sgombero di un senzatetto

«Il senzatetto è un pericolo per sé stesso e per la comunità»

«Pericolo per sé stesso e per la comunità»

CASTELLABATE. La roulotte in località Alano è lì da tempo, senza alcun servizio igienico, attacco idrico-fognario  e senza alcun riscaldamento. Il sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli, ha disposto lo sgombero per Maurice Mcgee, cittadino statunitense, che da diverso tempo soggiorno all’interno del suddetto veicolo in condizioni sanitarie molto precarie.

«L’uomo vive con un branco di ben 8 cani – si legge nell’ordinanza – tutti in cattivo stato di cura dal punto di vista igienico. Mcgee vive ai limiti della sopravvivenza con rischi per la sua salute in considerazione dell’effettivo pericolo per la totale assenza di abitabilità della roulotte». Tale approfondita relazione sulle condizioni di vita dell’uomo è stata fornita dall’assistente sociale in forza al comune Rosaria Corvino. In passato Mcgee si era reso protagonista di un fatto di cronaca: tempo addietro la roulotte abitata in precedenza ha preso fuoco e l’uomo ha rischiato di perdere la vita nell’incendio. I suoi cani, invece, più volte hanno aggredito altri animali e addirittura dei residenti delle vicinanze.

Una serie di concause che ha spinto il primo cittadino a procedere in modo coatto nei confronti dell’uomo obbligandolo a lasciare la zona abusivamente occupata. Mcgee sarà a breve raggiunto, quindi, dall’ordinanza di sgombero immediatamente eseguibile mentre, qualora dovesse opporre resistenza,  gli organi di polizia hanno l’ordine di intervenire per portare a termine lo sgombero. Spinelli ha anche stabilito che i veterinari dell’Asl dovranno accalappiare i cani che vivono con il senza fissa dimora e effettuare loro la microchippatura obbligatoria per legge. In seguito gli animali troveranno ricovero presso un canile fino a quando le loro condizioni di salute non saranno migliorate.

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Correlati

Top