Studio Di Muro
AttualitàIn Primo Piano

Operai della raccolta rifiuti senza stipendio, scatta la protesta

“Lavoriamo senza essere pagati, non si può andare avanti così”

POLLA. Dopo gli operai del Corisa4 a Vallo della Lucania, ora sono quelli della Ergon a protestare. Quattro di loro, incaricati della raccolta porta a porta dei rifiuti, sono in stato di agitazione per il mancato pagamento delle mensilità arretrate e della tredicesima.

Ancora una volta il settore dei rifiuti si mostra in crisi e a pagarne le spese sono soprattutto i dipendenti. I consorzi che si occupano della raccolta rifiuti, infatti, sono in liquidazione poiché il servizio passerà sotto la gestione dell’Ato – Ambito territoriale ottimale. I lavoratori, quindi, sono preoccupati per il mancato pagamento delle mensilità arretrate e per le prospettive lavorative. “Siamo stanchi – spiegano i lavoratori – continuiamo a lavorare ma senza ricevere gli stipendi, questa situazione non può continuare”

Tags

Ti potrebbero interessare