L'ex vicesindaco Ragni: "Il sindaco Voza attribuisce alla Giunta in carica meriti che non ha!" - Info Cilento
Spazio Disponibile
Spazio Disponibile
Spazio Disponibile
Hard and Soft House
Scuola Nuova
In Primo Piano

L’ex vicesindaco Ragni: “Il sindaco Voza attribuisce alla Giunta in carica meriti che non ha!”

L’ex vicesindaco Ragni: “Il sindaco Voza attribuisce alla Giunta in carica meriti che non ha!”

Per Ragni il consenso dell’amministrazione è ai minimi termini

“Sfido chiunque a dimostrare che ci sia stata nella storia di Capaccio un’Amministrazione più fattiva e concreta della nostra. Abbiamo realizzato interventi materiali ed immateriali in tutti i settori. Siamo molto fieri del nostro operato ”. Queste sono state le parole pronunziate dal Sindaco Italo Voza nel suo ultimo comunicato relativo al marciapiede che conduce da Paestum a Torre di Mare. In linea di massima potrei anche essere d’accordo in tutto o in parte con quanto asserito dal Sindaco. Sono stati altri, infatti, a mio parere, gli errori che hanno disintegrato il consenso di questa amministrazione riducendolo ai minimi termini e non certamente le opere pubbliche, alcune importantissime che, invece, sono state fatte sul territorio. E’ inutile riparlare degli errori perché quelli ormai sono stati fatti e non possono essere più cancellati né per loro esiste alcuna soluzione. Tali errori hanno decretato la morte di questa Amministrazione ed io, tranne che per Lazzaro e Gesù, non ricordo del risveglio o della risurrezione di altri.

Voglio invece soffermarmi sulle parole del Sindaco relative alle opere pubbliche sul territorio e voglio farlo rivolgendogli una domanda e partendo dal fatto che le opere pubbliche più importanti ( Piscina, ex macello, marciapiede Torre, Via Cafasso, area di sosta al Capoluogo, ecc.) sono state concepite e realizzate dalla vecchia Giunta e non certamente da quella attuale che probabilmente non sa nemmeno di cosa stiamo parlando. La domanda è molto semplice: “Caro Sindaco, ma se la tua Amministrazione ha fatto più di tutte le altre che fine hanno fatto gli artefici di queste opere, i tuoi ex assessori Ragni, Di Lucia, Montefusco e Voza? Perché hai fatto di tutto per farli andare via? Perché non li hai fermati quando si sono visti costretti a dimettersi o, addirittura, hai cacciato qualcuno di loro? Come mai alcuni consiglieri che tanto si sono spesi per raggiungere questi obiettivi, oggi sono critici verso il tuo operato? Cosa c’entrano, a meno del valido Assessore Franco Sica, con queste opere i vari Spagnuolo, Franco e Pannullo che al momento delle elezioni erano altrove o addirittura contro di te?“ Solo questa è la mia domanda e non pretendo nemmeno una risposta perché so che sarebbe difficile. Io mi sento orgoglioso di avere contribuito in prima persona , in qualità di assessore ai lavori pubblici, alla realizzazione di queste opere e, proprio perché penso di esserne il maggiore artefice ti chiedo ancora una volta di ripensare a quello che stai facendo e di destinare l’ex macello alla Guardia di Finanza, di non perdere questa storica ed irripetibile occasione in quanto cinquanta persone presenti sul territorio risolverebbero quasi completamente il problema dell’ordine pubblico e renderebbero tutti i cittadini di Capaccio più sicuri. Ti prego di ripensarci. Per la sede della Polizia Locale esistono altre soluzioni.

Nicola Ragni

Ti suggeriamo di leggere

Top
Altro... In Primo Piano, Politica
Incidente in via Magna Graecia, ciclista ferito

Forestali al lavoro, sistemata l’area archeologica di Velia

Cilento: sindaco torna sui suoi passi e si assegna l’indennità

Chiudi