Pellet non sicuro: maxi sequestro a Sala Consilina

Trovato pellet privo di qualsivoglia indicazione sulla qualità e sulla presenza di sostanze potenzialmente pericolose

SALA CONSILINA. Nell’ambito dei controlli di contrasto alla commercializzazione di prodotti non a norma, nei giorni scorsi la Guardia di Finanza di Salerno ha concluso un intervento di rilievo nei confronti di un’impresa del salernitano, sequestrando 57 tonnellate di merce priva dei requisiti di sicurezza. Nel corso dell’operazione, i militari della Tenenza di Sala Consilina hanno passato a setaccio la documentazione presentata dal rappresentante dell’azienda a corredo del combustibile detenuto presso lo stabilimento.

Pellet non sicuro: il sequestro

Si trattava, nello specifico, di “nocciolino”, biomassa di natura legnosa del tutto simile al pellet utilizzata per il riscaldamento domestico. Dai riscontri effettuati, tuttavia, il materiale è risultato privo di qualsivoglia indicazione in merito alle caratteristiche qualitative e circa l’eventuale presenza di sostanze potenzialmente pericolose per la salute delle persone e per l’ambiente. 

Sono state così sottoposte a sequestro, all’interno dell’attività, 57 tonnellate di prodotto non sicuro, imbustato in sacchi pronti per la vendita al dettaglio, con un valore di mercato di circa 15.000 euro.

Il servizio testimonia, ancora una volta, l’attenzione e l’impegno quotidianamente profuso dalle Fiamme Gialle per la tutela dei consumatori, attraverso la prevenzione e la repressione di fenomeni di commercio di natura irregolare.

CONTINUA A LEGGERE

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.

Sostieni l'informazione indipendente