Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Cronaca

Furto del tesoro di San Pantaleone, proseguono le indagini

Furto del tesoro di San Pantaleone, proseguono le indagini

Furto del tesoro di San Pantaleone, le indagini vanno avanti: Sono bastati tre minuti per mettere a segno il colpo

Sono bastati tre minuti per mettere a segno il colpo

VALLO DELLA LUCANIA. Proseguono le indagini dopo il furto al tesoro di San Pantaleone avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì. Nuovi dettagli emergono sul colpo messo a segno dai malviventi. Questi ultimi sono entrati in azione giungendo a piedi dinanzi alla chiesa; prima hanno tentato di forzare la porta con un piede di porco, poi, non riuscendovi, hanno utilizzato un’ascia. I ladri erano incappucciati e indossavano i guanti.

Una volta dentro si sono diretti immediatamente verso la teca che custodiva l’oro e l’hanno sfondata con una spranga. Tutto si conferma studiato nei minimi dettagli: gli otto malviventi, infatti, hanno impiegato appena tre minuti per entrare nella chiesa, sfondare la teca, rubare l’oro e fuggire a piedi attraverso un vicolo verso la variante.

Nella serata di ieri, lungo un sentiero di campagna, sono state ritrovate le spranghe utilizzate per il furto. I carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, agli ordini del comandante Mennato Malgieri, stanno portando avanti le indagini a ritmo serrato.

Del caso sono stati interessati anche altri comandi del salernitano e napoletano e sono stati avviati degli interrogatori tra persone con precedenti per furto e ricettazione. Intanto presso la cattedrale di San Pantaleone continua il via vai di persone che giungono per pregare il Santo, qualcuno sta già pensando di avviare nuove donazioni.

Correlati

Popolari

Top