Cilento: rinvenuti ordigni bellici in mare

La scoperta fatta da un gruppo di sub, oggi il sopralluogo

CAPACCIO PAESTUM. Un ordigno bellico è stato rinvenuto lo scorso 30 ottobre nello specchio acqueo antistante il litorale di Capaccio Paestum. A fare il rinvenimento alcuni sub di un centro di immersione con sede ad Agropoli. Gli oggetti metallici si trovavano a circa 21/22 metri di profondità a 500 metri dalla costa. Del caso è stata immediatamente avvertita la Guardia Costiera di Agropoli, agli ordini del tenente di vascello Gianluca Scuccimarri, che a sua volta ha provveduto ad allertare il nucleo sommozzatori di Taranto.

Previsto per oggi un sopralluogo in seguito al quale si deciderà come procedere. Non è raro trovare nei fondali tra Agropoli e Capaccio Paestum degli ordigni risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. Qui prese il via l’operazione Avalanche

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.