Cilento, incendi estivi: denunciato un piromane - Info Cilento
Concessionaria Autosala
Casa San Pio
Cronaca

Cilento, incendi estivi: denunciato un piromane

incendio_viadelmare

L’uomo è accusato di aver appiccato un incendio nella notte tra il 30 giugno e l’1 luglio. A scoprirlo le indagini della forestale.

Cilento, incendi estivi: denunciato un piromane

L’uomo è accusato di aver appiccato un incendio nella notte tra il 30 giugno e l’1 luglio. A scoprirlo le indagini della forestale.

E’ stato denunciato dal Corpo Forestale dello Stato I.R. , responsabile di un incendio boschivo colposo, divampato nel comune di Pisciotta in località” Valle – Contrada Celle” verificatosi tra il 30 giugno ed il 1 luglio 2015. Le indagini condotte dai Forestali del Comando Stazione di Pisciotta, coordinati e condotti V.Q.A.F. Russo Marcello, hanno consentito di ricostruire la dinamica degli eventi e di identificarne il responsabile. I Forestali avvalendosi del metodo delle evidenze fisiche, protocollo di indagine che consente con ricostruzione anche postuma della scena del crimine di scoprire le dinamiche e le cause dell’ incendio, sono riusciti a individuare l’autore il quale usando il fuoco per pulire il terreno, al fine di eliminare l’erba secca e arbusti infestanti presenti sul fondo di proprietà, anche a causa del forte vento, aveva perso il controllo delle fiamme, causando un grosso focolaio che ha distrutto circa dieci ettari di macchia mediterranea. Le evidenze tecnico-investigative sono state incrociate poi con i più tradizionali sistemi di indagine che hanno consolidato l’ ipotesi investigativa. Le attività di raggruppamento e abbruciamento in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri steri per ettaro dei materiali vegetali, effettuate nel luogo di produzione, costituiscono normali pratiche agricole se finalizzate al reimpiego dei materiali come sostanze concimanti o ammendanti. Tali attività, sono sempre vietate nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi che va in genere dal 15 giugno al 30 settembre, e comunque in tutti i casi in cui sussistono condizioni metereologiche, climatiche o ambientali sfavorevoli (presenza di vento, siccità) o nei casi in cui possano derivare rischi per la pubblica e privata incolumità e per la salute umana.

Ti suggeriamo di leggere

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, In Primo Piano
guardalinee
Un assistente arbitrale della sezione di Sala Consilina in finale di Coppa Italia

capaccio-buca
Capaccio: strade dissestate, il Comune torna a scrivere alla Provincia

carabinieri_indagini
Capaccio, incidente tra auto e furgone: un ferito

Chiudi