Centola: due spazi dedicati ad Alessandro Saggiomo e Carlo Acutis

Il Comune ha scelto di intitolare biblioteca e la biblioteca e il centro socio-assistenziali ai due giovani

CENTOLA. Due spazi culturali dedicati ad altrettanti giovani scomparsi prematuramente. E’ l’iniziativa dell’amministrazione comunale di Centola che ha scelto di intitolare la biblioteca comunale e il centro socio assistenziale (entrambi siti in via Talamo) ad Alessandro Saggiomo e Carlo Acutis.
Il primo era un giovane promettente, cresciuto proprio a Centola, venuto a mancare a 20 anni. “La sua prematura scomparsa ha lasciato un gran dolore non solo nel cuore della sua famiglia ma nella comunità tutta che non ha mi smesso di ricordare il giovane”, ricordano da palazzo di città.

Carlo Acutis, di recente beatificato, era un giovane di Milano che ha frequentato spesso Centola con la sua famiglia; di questo comune era originaria la madre. E’ venuto a mancare giovanissimo a causa di una leucemia fulminante.

Il territorio è molto legato al beato Carlo Acutis, di qui la scelta di intitolare un luogo alla sua memoria da parte dell’amministrazione guidata dal sindaco Carmelo Stanziola.

CONTINUA A LEGGERE
blank

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it