L'appello degli imprenditori turistici: in Campania serve assessore al turismo - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

L’appello degli imprenditori turistici: in Campania serve assessore al turismo

cilento_mare_acciaroli

L’appello del presidente del comparto ricettivo extralberghiero: in Campania si nomini un assessore al turismo.

L’appello degli imprenditori turistici: in Campania serve assessore al turismo

L’appello del presidente del comparto ricettivo extralberghiero: in Campania si nomini un assessore al turismo.

“I dati parlano chiaro, chi viene in Campania lo fa soprattutto perchè attirato dalle nostre eccezionali testimonianze culturali, storiche e naturalistiche. Il turismo e la cultura sono risorse importanti per l’economia regionale che non possono essere un mero titolo da inserire tra le tante deleghe”. Cosi commenta Agostino Ingenito, presidente del comparto ricettivo extralberghiero e componente nazionale di Assoturismo. L’Otm conferma il trend in crescita per il turismo mondiale, pari al 4% in più rispetto allo scorso anno: le destabilizzazioni del nord Africa e dei paesi arabi, possono favorire l’Italia ed in particolare il Meridione con la Campania in testa,” ma serve accompagnare il vento positivo con azioni e programmi non estemporanei – commenta Ingenito”. “Terminata la fase di avvio della macchina regionale – aggiunge – è ormai inderogabile uno scatto in più su turismo e cultura per il Governatore De Luca che oggettivamente non può riuscire a garantire la giusta attenzione all’importante risorsa economica con qualche consigliere”. Per il Presidente del maggiore sindacato di categoria di ospitalità diffusa serve dunque l’istituzione di un assessorato regionale. “Serve chi si impegna e conosca il territorio e gli andamenti e le diverse competenze di un ginepraio tutt’altro che semplice per i continui conflitti tra regioni e Stato- continua Ingenito – No a meri incarichi politici, si ad una vera riorganizzazione dell’accoglienza, una vera promozione e azioni durature che mettono i nostri territori e le località turistiche maggiori di interconettersi e competere”. L’attenzione di Ingenito si focalizza anche sulla disastrosa situazione in cui versano gli enti provinciali del turismo ed aziende di soggiorno come pure di una normativa chiara e precisa oltre che della mancata calendarizzazione e programmazione culturale con l’utilizzo delle risorse europee. “Ritengo che sia ormai indispensabile fare un tavolo di coordinamento culturale che tenga conto delle proposte di chi vive e lavora di turismo. Servono azioni condivise e lungimiranti, eventi culturali di spessore e programmati, oltre che chiari segnali di innovazione e supporto per le infrastrutture e i servizi. “Il turismo è cambiato, si viene in Campania per soggiorni brevi ma frequenti, serve trovare una quadra per garantire trasporti pubblici efficienti e servizi per non lasciare nell’oblio e mancata sicurezza chi raggiunge la nostra regione. “Siamo consapevoli delle tante emergenze del nostro territorio ma non possiamo più derogare dalla necessità di avere una regia e organizzazione turistico- culturale, il rischio è infatti perdere competitività rispetto ad un turismo sempre mutevole e variegato”.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
tribunale
Morte di due diciottenni di Mercato San Severino. Valdianese condannato

lavoribuccino1
Provincia, al via i lavori nell’Area di Sviluppo Industriale di Buccino | FOTO

biomasse1
Capaccio in piazza per dire “No!” alla centrale a biomasse | VIDEO

Chiudi