Cilentana: l'Ance chiede l'apertura oltre il 7 settembre - Info Cilento
Spazio Disponibile
Spazio Disponibile
Spazio Disponibile
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Attualità

Cilentana: l’Ance chiede l’apertura oltre il 7 settembre

Cilentana, una corsia a traffico alternato fino al 7 settembre non basta, e non risolve i gravi problemi di viabilità che chi risiede a sud della provincia quotidianamente è costretto ad affrontare.

Cilentana: l’Ance chiede l’apertura oltre il 7 settembre

Cilentana, una corsia a traffico alternato fino al 7 settembre non basta, e non risolve i gravi problemi di viabilità che chi risiede a sud della provincia quotidianamente è costretto ad affrontare.

«Occorrono soluzioni più efficaci che consentano il ripristino della circolazione, in entrambi i sensi di marcia, non solo durante la stagione estiva, ma anche nei 12-14 mesi di tempo che occorreranno per eseguire i lavori in corso di aggiudicazione e oggetto della gara d’appalto». È quanto dichiara il presidente di ANCE Salerno, Antonio Lombardi, che – pur salutando con soddisfazione l’apertura di una corsia a traffico alternato fino a settembre – evidenzia le criticità che restano irrisolte, e propone una soluzione alternativa. «Non siamo in presenza di un comune problema di viabilità – spiega – ma di una vera e propria emergenza che non può essere affrontata con procedure ordinarie. La nostra proposta è quella di attivare la Protezione civile affinché, per il tramite del Genio militare, provveda alla installazione di un ponte mobile che consenta il ripristino della circolazione, a velocità limitata, in entrambi i sensi di marcia, per tutto il tempo necessario al completamento dei lavori».

«La corsia unica fino a settembre – aggiunge Lombardi – è sicuramente una boccata di ossigeno per chi da mesi sta scontando una grave emarginazione: ma non risolve il problema, sia per la sua temporaneità, sia per il periodo di tempo necessario a eseguire l’intervento di ripristino strutturale del viadotto e della carreggiata stradale. Parliamo di oltre un anno: un lasso di tempo che impone soluzioni rapide, molto più incisive ed efficaci».

«Il ponte mobile – conclude Lombardi – è l’unico modo per ripristinare la viabilità interrotta in entrambi i sensi di marcia e per tutto il tempo necessario all’esecuzione dei lavori, ed anche in concomitanza con gli stessi. Perché ciò accada però è necessario – ed in questo i sindaci del territorio possono e devono svolgere un ruolo incisivo e determinante – che della questione venga investita la Protezione civile, come del resto è giusto e logico che sia per la peculiare gravità del problema e le gravissime conseguenze che sta determinando sulla popolazione e sulle imprese».

Ti suggeriamo di leggere

Top
Altro... Attualità, In Primo Piano
Furti nei lidi, tre denunciati

Dal Piano di Zona fondi per le associazioni di Camerota

Continua la tournée del musical “Palinuro nocchiero di Enea”

Chiudi