Affare Fatto
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Nel Cilento liberati 3500 fagiani

Si punta al ripopolamento della fauna

Ripopolamento fauna selvatica, liberati 3500 fagiani a sud di Salerno nelle aree contigue al Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni dove è consentito (nei periodi previsti per legge) l’attività venatoria.

Ad effettuare materialmente la liberazione dei selvatici le guardie venatorie operanti nel territorio DELL’ATC Sa 2 , che comprende un vasto territorio a sud di Salerno, del Cilento e Vallo di Diano.

Sono stati liberati giovani esemplari in ottimo stato di salute che arrivano da un’ azienda di Ferrara e sono stati controllati anche dai veterinari dell’ASL.

Le operazioni nei diversi comuni sono state coordinate dai componenti dell’ambito territoriale Caccia presieduto dal dott.Armando Liguori . Alle operazioni di lancio ha partecipato anche Andrea Scagano, Presidente del CAI-Club Alpino Cilentano in qualità di Consigliere ATC e rappresentante delle Assicurazioni di protezione ambientale riconosciute dal Ministero dell’Ambiente.

“Il Cai come Associazione di protezione ambientale ha avviato in questi giorni ,grazie al finanziamento dell’ ATC SA2 , un importante studio scientifico di monitoraggio dell’aquila reale sul Monte Cervati e in contemporanea ha avviato in diverse scuole dell’area Parco degli incontri con o giovani studenti sul tema dell’educazione ambientale”. Ha dichiarato Scagano.

Per ogni comune mediamente sono stati liberati 50 fagiani, i comuni interessati da questi lanci Sono una sessantina, tra cui Montano Antilia, Futani, Cuccaro Vetere, Ceraso.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito