Studio Di Muro
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Valiante (Presidente Consac Infrastrutture) svela le novità e sugli obiettivi del nuovo corso della società

"Stiamo lavorando per garantire al Cilento una rete di infrastrutture e un servizio idrico più efficiente"

Il presidente della Consac Infrastrutture, Simone Valiante esce allo scoperto e annuncia durante un’intervista rilasciata ad un’emittente televisiva di: “essere già al lavoro insieme al presidente della Consac Gestioni Idriche, Gennaro Maione, per dare al Cilento una rete di infrastrutture e un servizio idrico più efficiente”. Svelando inoltre i prossimi obiettivi sul nuovo corso della società: “Avremo una maggiore funzionalità sul piano energetico, trasformeremo la società in una multiservizi, e saremo aperti a nuovi mercati”.

Un’altra novità annunciata da Simone Valiante sarà rappresentato da un progetto di trasformazione di impianti termici e l’accesso ai benefici fiscali. L’attuale presidente del Consac Infrastrutture ha poi commentato le vicende della politica nazionale: “la storia, ormai nota a molti, della esclusione mia e di altri colleghi è stata molto dolorosa, anche sul piano personale, ma per me ormai è un capitolo chiuso. Quello che mi preoccupa maggiormente è la prospettiva politica, il futuro dell’Italia e del Pd. Oggi la gente non si affeziona più agli slogan, ma guarda ai fatti concreti. Ecco perchè il Pd ha bisogno non solo di una nuova leadership, ma soprattutto di una linea politica chiara. Ormai la vecchia governance nazionale è stata archiviata dal voto del 4 marzo”.

Sul Pd regionale invece: “Ho l’impressione – ha continuato Valiante – che la gente percepisca il Pd come un partito d’elite non più come un partito vicino alle persone. Il Pd regionale deve fare molto di più per riavvicinare la gente. È dunque necessario tornare sui territori, nelle periferie, cercando di trasformare i bisogni delle persone in azioni politiche”.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare