Violano le regole sulla macellazione: due denunce nel Cilento - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Cronaca

Violano le regole sulla macellazione: due denunce nel Cilento

Guardia_di_Finanza_

Controlli in materia di sicurezza alimentare, la guardia di finanza denuncia due soggetti per infrazioni alle leggi sanitarie.

Violano le regole sulla macellazione: due denunce nel Cilento

Controlli in materia di sicurezza alimentare, la guardia di finanza denuncia due soggetti per infrazioni alle leggi sanitarie.

Nel corso dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio, una pattuglia della Tenenza di Vallo della Lucania, percorrendo la SP 142, in direzione Vallo della Lucania, notava in un terreno limitrofo alla sede stradale, in cui insiste un edificio rurale, un animale scuoiato, appeso alla forca di un trattore e due uomini impegnati a maneggiarlo.
I militari operanti, dopo aver provveduto a richiedere l’intervento del personale ASL – Dipartimento di Prevenzione – Servizio Veterinario di Vallo della Lucania, per gli accertamenti e i riscontri tecnici di loro specifica competenza, hanno rilevato che quanto accertato era da ricondurre ad un caso di macellazione clandestina in luogo non autorizzato ed in assenza di parere/visita veterinaria ante e post mortem dell’animale.

I due soggetti sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania per reati sulla  “Macellazione di animali in luoghi diversi dagli stabilimenti o dai locali riconosciuti”, per il quale viene prevista un’ammenda fino a €. 150.000,00.
Ulteriori accertamenti dello stabile e dei terreni limitrofi permettevano di rinvenire, inoltre, suini vivi completamente privi dei tatuaggi e/o marche identificative e della documentazione comprovante la loro origine e possesso.
Per tale circostanza i Finanzieri hanno proceduto alla prevista contestazione amministrativa e al relativo sequestro degli animali, lasciati in giudiziale custodia per il loro conseguente abbattimento e al pagamento di una sanzione pecuniaria da 600 euro per ogni capo non regolarmente identificato.
L’attività di servizio segnalata, nel testimoniare l’impegno profuso a tutela del consumatore, evidenzia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza nella provincia di Salerno, a contrasto di comportamenti illeciti, lesivi della concorrenza leale tra gli operatori del mercato nel settore.

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, Homepage
castellabate_panorama
Castellabate, restyling di località Annunziata: domani la cerimonia di inizio lavori

ambulanza_humanitas
Tragedia ad Agropoli: 60enne stroncato da un malore mentre passeggia al porto

Joseph-Polimeni
Si è insediato il nuovo commissario alla sanità, le sue origini sono cilentane

Chiudi