Maxi sequestro di prodotti cinesi pericolosi nel salernitano - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Cronaca

Maxi sequestro di prodotti cinesi pericolosi nel salernitano

prodotticinesi

La guardia di finanza sequestra 350.000 articoli non conformi alla normativa vigente in materia di codice del consumo.

Maxi sequestro di prodotti cinesi pericolosi nel salernitano

La guardia di finanza sequestra 350.000 articoli non conformi alla normativa vigente in materia di codice del consumo.

Nell’ambito dei servizi volti ad accertare il rispetto delle prescrizioni imposte dalla normativa comunitaria afferente la sicurezza generale dei prodotti (dir. 2001/95/CEE, recepita nel d.lgs. n. 206/2005), la Compagnia della Guardia di Finanza di Nocera Inferiore ha sottoposto a sequestro circa 350.000 prodotti suddivisi tra articoli di carnevale, articoli elettrici, cosmetici e giocattoli privi dei necessari certificati di conformità e sicurezza.
Gli articoli in questione, parte dei quali destinati ad un’ampia platea di consumatori anche minorenni, sono risultati tutti privi di istruzioni d’uso e/o indicazioni circa le loro caratteristiche tecniche (in lingua italiana), non fornendo – in tal modo – al consumatore alcuna informazione di tracciabilità, con riferimento alla loro composizione, produzione e confezionamento, condizione essenziale per una valutazione soggettiva della intrinseca pericolosità.
I finanzieri della Compagnia di Nocera Inferiore, nel corso di attività info-investigativa, hanno individuato tre distinte attività commerciali nei Comuni di Nocera Inferiore e Pagani, gestite da cittadini di etnia cinese, i quali commercializzavano prodotti costituiti non solo dai classici articoli per carnevale, privi dei requisiti minimi di sicurezza, ma anche da articoli di elettronica (led e/o addobbi elettrici), di bigiotteria, prodotti cosmetici di vario tipo e prodotti per l’igiene personale non sicuri.
Al termine del servizio, i rappresentati legali delle attività commerciali venivano segnalati alla competente autorità amministrativa per le violazioni previste e sanzionate dal decreto legislativo n. 206/2005, mentre i 350.000 prodotti venivano sottoposti a sequestro amministrativo.
L’attività di servizio eseguita testimonia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza sul territorio, a contrasto dei comportamenti in grado di minare la concorrenza tra gli operatori del mercato ed in modo particolare a tutela della salute del consumatore finale.

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, Homepage
ospedale_vallo
La denuncia: “Io trattato con superficialità in ospedale dopo aver battuto la testa”

Consiglio Regionale Campania
Rimpasto nella giunta regionale. Dentro Franco Alfieri e Maria Ricchiuti?

corsodeangelis_sanmarcocastellabate
Cambia volto San Marco di Castellabate, iniziati gli interventi di restyling

Chiudi