Studio Di Muro
CilentoCronacaIn Primo Piano

Montecorice: nuovi guai giudiziari per Bruno Humberto Damiani

E' accusato di sequestro di persona ai fini di estorsione, appropriazione indebita in concorso e lesioni personali

POLLICA. Nuovi guai giudiziari per Bruno Humberto Damiani. L’uomo per anni al centro dell’omicidio di Angelo Vassallo, è ora accusato di sequestro di persona ai fini di estorsione, appropriazione indebita in concorso e lesioni personali. Con lui, davanti al Gup Ubaldo Perrotta, anche il padre Giuseppe. Il procedimento era stato inizialmente aperto dinanzi al Tribunale di Vallo della Lucania e poi trasferito a Salerno perché di competenza dell’Antimafia.

I fatti risalgono al 6 marzo del 2006, padre e figlio assieme ad altri, stando alle accuse, si sarebbero recati con la propria auto a Montecorice, presso l’abitazione di Francesco Malzone, politico locale, alle 22.30 della sera: lo avrebbero prelevato, portato presso un’altra casa e qui, dopo averlo denudato, lo avrebbero preso a schiaffi, sfiorandogli viso e ventre con un tubo di rame.

Poi lo avrebbero inchiodato ad una sedia, legandogli mani e piedi, stile «incaprettamento», precisa il pm della Dda Marco Colamonici, costringendolo a firmare una dichiarazione confessoria con la quale si assumeva la responsabilità, assieme a Giovanni Romiti della redazione e della diffusione di volantini di denuncia che circolavano contro l’amministrazione comunale. Quindi minacciandolo di morte se avesse presentato denuncia ai carabinieri. Il tutto provocandogli escoriazioni e lacerazioni aggravate dal fatto di aver commesso le violenze con un tubo di ferro ed agendo in un orario serale che impedì alla vittima di difendersi.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare