Cilento, nuove regole per gli animali d’affezione ma non mancano le polemiche

Obbligo di guinzaglio, museruola e di pulizia degli escrementi degli animali d’affezione

LUSTRA. Con un’ordinanza ad hoc è guerra agli incivili e alle cattive abitudini per quanto riguarda gli animali d’affezione. Il primo cittadino Giuseppe Castellano ha emanato regole mirate al fine di evitare comportamenti scorretti da parte dei padroni. «Tutti i proprietari e i detentori di animali d’affezione sono responsabili dello stato di salute e benessere generale dei loro animali – spiega il primo cittadino –  e devono ottemperare a tutte le norme di legge che ne regolamentano il possesso e la detenzione, osservando le comuni norme d’igiene della collettività sociale». I cani potranno essere soltanto condotti con guinzaglio e adeguata museruola. Viene sancito inoltre l’obbligo di asportare gli escrementi dei cani con apposita strumentazione come paletti e sacchetti in particolare nei luoghi pubblici quali piazze e vie. La sanzione pecuniaria per chi non osserva queste regole può variare dai 60 agli 80 euro. La nuova normativa non ha mancato di scatenare alcune polemiche da parte dei cittadini: «Giusto promulgare tali nuove direttive ma i problemi sono ben altri – spiegano – come ad esempio il fenomeno del diffuso randagismo e l’abbandono in cui versa il centro storico di Rocca».

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Arturo Calabrese

Appassionato di giornalismo dai tempi del liceo, si occupa di cultura ed eventi, non disdegnando la cronaca e l'attualità. Per InfoCilento conduce programmi televisivi. È collaboratore del quotidiano "la Città", di televisioni locali e del blog #mifacciodicultura. Laureando in beni culturali impiega il poco tempo libero nel volontariato con la Fondazione Telethon