Majestic
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Agropoli, no alla messa a scuola: polemiche proseguono

Utenti divisi sul provvedimento adottato ad Agropoli

AGROPOLI. Pareri divisi sul provvedimento della direzione del Primo Circolo Didattico di Agropoli di non consentire la celebrazione della Santa Messa a scuola in vista del Natale, così come la benedizione del presepe. Ieri, ad InfoCilento, la dirigente Margherita Baldi aveva chiarito che la decisione non era stata assunta in maniera arbitraria, ma in modo unanime dal Consiglio d’Istituto (leggi qui). La preside, aveva precisato che la scuola è un istituto laico, così come previsto dalla stessa Costituzione e che sebbene non sia stato vietato l’allestimento del presepe, la messa all’interno dell’edificio non sarebbe stata officiata, anche per rispetto degli studenti di altra cultura.

Niente messa a scuola, le polemiche

Questi chiarimenti sono serviti solo in parte ad evitare delle polemiche su un tema che anche a livello nazionale è molto dibattuto. Parliamo della necessità di tutelare i bambini di credo differente che ormai sono presenti nella nostra comunità multietnica e di salvaguardare la laicità della scuola, al contempo senza stravolgere cultura e tradizioni del popolo italiano.

I commenti

Molti i commenti arrivati proprio tramite InfoCilento. In molti solidarizzano con la dirigente e il consiglio d’istituto, evidenziando come la messa in una scuola statale sarebbe inopportuna. Altri considerano scontata la decisione “perché – dice qualcuno – il luogo per dire messa è in Chiesa non in classe”.

Ma in tanti sono anche di parere opposto. “Laicità non significa ateicità”, commenta qualcuno bollando come “discriminanti per i bambini cattolici” questi provvedimenti. Altri ne fanno una questione di cultura e tradizione che non può essere messa in discussione dalla presenza di bambini di altra religione. Non manca chi sottolinea come l’educazione e l’integrazione passino anche attraverso la conoscenza delle altre culture. “Se si ragiona così aboliamo anche l’ora di religione”, uno dei commenti.

Insomma le polemiche non mancano ma sarebbero state comunque inevitabili considerato che su un tema del genere appare proprio difficile mettere d’accordo tutti.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista in alcune televisioni locali.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it