Atlante delle Banche Leader: prestigioso riconoscimento per la Monte Pruno - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Atlante delle Banche Leader: prestigioso riconoscimento per la Monte Pruno

bcc_montepruno

Atlante delle Banche Leader 2015:la Banca Monte Pruno al secondo posto dei creatori di valore a livello nazionale.

Atlante delle Banche Leader: prestigioso riconoscimento per la Monte Pruno

Atlante delle Banche Leader 2015:la Banca Monte Pruno al secondo posto dei creatori di valore a livello nazionale.

Anche quest’anno MF Milano Finanza ed Italia Oggi, in collaborazione con Accenture, hanno predisposto l’Atlante delle Banche Leader 2015.
Così come accaduto nel 2014, la Banca Monte Pruno si trova a celebrare un altro importante risultato.
Nella speciale classifica dedicata ai creatori di valore delle banche minori, per dimensione, la Banca Monte Pruno si classifica al secondo posto a livello nazionale, migliorandosi di una posizione rispetto all’anno precedente.
Questo è il commento sulla Banca Monte Pruno inserito a pag. 18: “Annata da incorniciare per la Monte Pruno, in Provincia di Salerno, che ha fatto cambio di posizione con la Banca Santa Giulia conquistando la seconda posizione e relegando l’istituto di credito bresciano sul gradino più basso del podio. Nel corso del 2014 il bilancio della banca campana ha evidenziato un balzo in avanti del risultato di gestione di tutto rispetto: +27 per cento. Mentre il ROE è cresciuto poco meno del 10%. Bene anche l’aumento dei mezzi amministrati, cresciuti in dodici mesi del 15%”.

Nella sezione dei creatori di valore, l’Atlante presenta una sezione contenente gli istituti di credito che hanno migliorato sensibilmente i mezzi amministrati ed i risultati reddituali. Tra i 550 istituti che compongono il campione sono stati scelti quelli che nell’ultimo triennio non hanno conseguito valori negativi a livello di margine di intermediazione, risultato di gestione e utile netto. Fatta questa prima selezione sono rimaste in ballo 329 banche che sono stati suddivise in quattro categorie: grandi, medie, minori e piccole, sulla base del valore dei mezzi amministrati. I dati esposti rilevano come la Banca Monte Pruno, con un rating pari a 8,30, sia la prima Banca campana in base alla classifica “Creatori di Valore”.
Oltre a generare anche un pregevole risultato su base regionale, la Banca Monte Pruno proprio a livello territoriale si segnala per detenere uno dei migliori rapporti sofferenze nette su impieghi pari all’1,65%; ottimo anche l’indice di redditività generato.

Soddisfazione, pertanto, emerge dai primi commenti del Presidente del Consiglio di Amministrazione Anna Miscia e del Direttore Generale Michele Albanese: “Ci piace condividere con tutti questo importante risultato, perché testimonia ancora una volta la bontà delle scelte e delle strategie aziendali poste in essere. Il miglioramento rispetto all’anno scorso è figlio di un’intensa azione a sostegno del territorio senza mai dimenticare gli equilibri di bilancio e la crescita delle grandezze. La nostra Banca continua, a testa alta,nel suo percorso di sviluppo, confermandosi un istituto di credito cooperativo virtuoso e di alto standing, capace di alimentare valori positivi, ogni anno, con grande professionalità, mettendosi sempre a disposizione dell’intero sistema, valutando con cura e senso del dovere le diverse opportunità che il mercato ci ha prospettato e ci prospetterà senza protagonismi, ma con la chiara consapevolezza di essere una realtà di primissimo piano nel panorama del credito regionale e non solo, come confermano i dati espressi anche dall’Atlante delle Banche Leader, che punta al meglio a tutela dell’intero circuito con il quale opera quotidianamente”.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
Un'immagine tratta da 87 Ore, il documentario di Costanza Quatriglio che racconta gli ultimi giorni di Francesco Mastrogiovanni. Giorni di agonia, legato nudo mani e piedi al letto, nutrito solo con qualche flebo, senza che infermieri e dottori si accorgessero delle difficoltà respiratorie, che lo portano a morire di edema polmonare. E' finita così nell'agosto 2009 la vita del maestro di scuola Francesco Mastrogiovanni, classe 1951, nel reparto psichiatrico dell'ospedale San Luca di Vallo Della Lucania (Salerno), dove l'avevano portato per un tso (trattamento sanitario obbligatorio). Un caso che Costanza Quatriglio ripercorre principalmente attraverso le sconvolgenti immagini dei video di sorveglianza nel documentario 87 Ore, il 6 novembre in anteprima a Roma al festival Arcipelago, nelle sale dal 23 novembre con Cineama e in onda su Raitre il 28 dicembre in seconda serata. Il film ha il patrocinio di Amnesty International Italia. ANSA/ UFFICIO STAMPA   +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Approda in Senato il docufilm sulla morte di Francesco Mastrogiovanni

biomasse_zuchtriegel
Centrale a biomasse, Zuchtriegel: dobbiamo garantire al turista ambiente sano

incendio_prignano
Cilento: appiccò un incendio, arrestato dai carabinieri di Agropoli

Chiudi