Affare Fatto
CilentoFoodIn Primo Piano

Pastuccelle o Pastorelle? L’importante è farle a Natale

La ricetta

Un dolce tipico delle feste sono le pastorelle, o nella loro forma dialettale le “Pastuccelle”. Le più “famose” sono quelle di Cuccaro Vetere, caratteristico borgo arroccato fra Palinuro e Vallo della Lucania. Qui vengono fatte ripiene di crema alle castagne. Vari paesi vantano l’esclusività della ricetta ed ognuno ha una storia diversa. Anche la forma varia in base alla mano sapiente di chi le prepara, così troviamo fagottini a forma di stella o di sole. In vari paesi di montagna si usa il castagnaccio, comunemente usato dalle famiglie ricche. Le più modeste, un tempo, utilizzavano la farina di ceci. In altre zone del Cilento, invece, si preparano con la crema al latte o al cioccolato. Così le prepara Assuntina, proprietaria dell’agriturismo Zio Cristoforo di Casal Velino. Lei usa farcirle con la crema gialla e al cioccolato, quella che si usa per varie preparazioni cilentane. Un dolce che piace a tutti e si può mangiare sia fritto che al forno. La sfoglia è tipica della cucina di un tempo, povera. Pochi grassi e tanto gusto. Gli ingredienti sono quelli della terra. Anche il miele gioca un ruolo fondamentale nella preparazione del dolce in quanto era il vero conduttore delle feste.

Ingredienti

Per la pasta

500 g di farina

3 g di sale

20 g di zucchero

3 uova intere

80 ml di vino bianco

30 g di strutto o Olio EVO

Per la crema

375 ml di latte

60 g di zucchero

40 g di farina

1 uova intere ed un tuorlo

100 g di cioccolato fondente

Altri

1 lt di olio di girasole alto oleico

Miele

Zucchero a velo

Confettini di zucchero per decorare

Preparazione

Prepariamo la crema. Montiamo le uova con lo zucchero e dopo qualche minuto aggiungiamo la farina setacciata. Uniamo il latte bollente e facciamo cuocere la crema. Dividiamo in due contenitori d’acciaio e, in una metà, aggiungiamo la cioccolata a pezzi. Giriamo e rendiamo omogeneo il tutto. Copriamo con pellicola alimentare trasparente e lasciamo raffreddare.

Mettiamo su una spianatoia la farina, aggiungiamo le uova e tutti gli altri ingredienti. Iniziamo a lavorare l’impasto fino a renderlo omogeneo e liscio. Deve essere compatto e non molle.

Stendiamo con il mattarello e, con l’ausilio di un coppapasta, ricaviamo tanti dischi. Mettiamo la crema al centro di uno e copriamo con un altro disco. Chiudiamo bene e pizzichiamo la pastuccella in cinque punti in modo da formare una stella. Possiamo anche tagliarla come se fosse un sole, dai raggi grandi, e chiudiamo formando dei ricci.

Friggiamo in abbondante olio extravergine di oliva.

Decoriamo con miele e palline colorate di zucchero. In alternativa tanto zucchero a velo.

Tags

2 commenti

  1. Comunque le pastorelle cuccaresi sono fatte esclusivamente con una delicatissima sfoglia a base di farina, vino e acqua e ripiene di castagne. Nulla a che vedere con la ricetta menzionata in questo articolo!

  2. Ogni paese ha le sue tradizioni!era tanto per scrivere qualcosa! Anche nel mio paese si preparano come a cuccaro vetere!

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito