Hotel Royal Paestum
AttualitàCilento

Agropoli, Comune punta ad aumentare la percentuale di differenziata

Vicesindaco Serra convoca tavolo tecnico

Aumentare la percentuale di rifiuti riciclati nel comune di Agropoli si può, lo sostiene il vicesindaco con delega all’ambiente Elvira Serra. Per questo motivo ha indetto un tavolo tecnico con Legambiente e la Sarim, la società che dal 31 marzo scorso gestisce la raccolta dei rifiuti sul territorio.

L’obiettivo è arrivare a toccare quota 75% di rifiuti riciclati. Una meta ardua tenendo conto che l’attuale percentuale sfiora il 55%. Per questo motivo Elvira Serra ha convocato, per questo venerdì, Michele Buonomo già presidente di Legambiente ed ora membro del direttivo regionale e la Sarim. Insieme proveranno ad imbastire una strategia sul territorio per sensibilizzare i cittadini agropolesi ad un uso più consapevole dei rifiuti. Si partirà a settembre con una campagna di sensibilizzazione nelle scuole, si entrerà nelle famiglie attraverso i bambini per un corretto impiego dei materiali e del loro riciclo.

Al vaglio numerose iniziative da parte dell’amministrazione, si è già lungamente parlato del bando totale delle buste nere per il conferimento dell’indifferenziata, a questo si aggiunge la possibilità di utilizzare quasi integralmente le buste di carta negli esercizi commerciali che sono al 100% riciclabili. A queste iniziative si aggiunge il pugno duro verso i trasgressori con ammende che arrivano a 50 euro se viene conferito l’immondizia al di fuori del calendario stabilito. Il vicesindaco Serra spiega come i rifiuti siano un’opportunità per la cittadina e non un aggravio: «Dobbiamo far comprendere a tutti i nostri concittadini- osserva la Serra- il nuovo modo di intendere i rifiuti, in un’economia circolare tutto va riutilizzato, tutto viene trasformato , diventando nuova forma dalla produzione all’energia. In futuro ci dobbiamo augurare che ogni famiglia, ogni terreno abbia il proprio campo di compostaggio, per dire che ognuno debba fare anche nel loro piccolo la propria parte».

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare