Majestic
AttualitàCilento

Agropoli, il mare restituisce altri parti del Relitto del 1491

Emergono nuovi reperti della cocca genovese affondata ad Agropoli

AGROPOLI. La mareggiata di questi ultimi giorni ha depositato sulla spiaggia del Lido Oasi un altro pezzo di legno della “Cocca” genovese, nave affondata nel 1491 nella zona di mare tra la Licina ed il Fortino (leggi qui). in base alla forma e alla lunghezza del reperto ritrovato, si tratta di un Madiere della nave.
Altri ritrovamenti sulla spiaggia della zona “Lido Azzurro” sono avvenuti negli anni passati.

E’ facile ritenere che oramai la chiglia del relitto, ritrovato nel 2000, sia irrecuperabile. Nel 2016 era stata creata una gabbia di pietre per bloccare lo sfaldamento del relitto, ma non è servita.

Della presenza del reperto sono stati avvisati il Comandante della Polizia Municipale di Agropoli, Carmine Di Biasi, che tramite “Agropoli Servizi”, farà recuperare il reperto storico, per depositarlo nell’Antiquarium di Agropoli. Per il video clicca qui.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Ernesto Apicella

Editore di libri Turistici e Storici. Scrittore e ricercatore di storia locale. Tra le numerose iniziative culturali-sociali da annoverare: l'idea progetto per la realizzazione del Parco Archeologico nel Borgo Antico di Agropoli, di un Museo Civico nel Castello Greco-Bizantino e di un Parco Fluviale nel Fiume Testene. Da sottolineare, l'importante ricerca storico-religiosa sulla presenza di San Francesco d'Assisi ad Agropoli. Nel 2000 ha fondato l'Associazione Sbandieratori Agropolesi. E' amministratore di numerose pagine “Facebook” di promozione turistica, storica e per il tempo libero.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it