Nuova Elite
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Studenti, enti e associazioni in campo per la pulizie delle dune di Cala del Cefalo

Domani una iniziativa. Protagonisti 150 studenti romani

Si svolgerà domani, giovedì 9 Maggio, la giornata di pulizia delle dune del SIC di Cala del Cefalo ed il seminario dal tema Plastic Free. L’evento che vedrà già la partecipazione di oltre 150 ragazzi dell’ istituto Croce Aleramo di Roma ospiti a Marina di Camerota della delegazione della F.I.V. Locale ASD Cilento a Vela, coinvolgerà le associazioni ambientaliste maggiormente rappresentative in Italia ovvero Legambiente e WWF Italia; il Comune di Camerota, il Parco Nazionale del Cilento Diano ed Alburni, la Consac Gestioni Idriche Spa, La FIBA Confesercenti , la Comunità Montana Lambro e Mingardo ed il Corpo delle Capitanerie di Porto, oltre che decine di operatori balneari e volontari della società civile.

E’ questa l’ennesima attività istituzionale da parte del gruppo dirigente della CAB che ha dato vita in Italia al concetto di sostenibilità balneare territoriale aldilà dei campanilismi ed a favore della rete di impresa della sostenibilità italiana.

Proprio per questo, evento più unico che raro, troveremo al tavolo, ma soprattutto fianco a fianco associazioni, enti, istituzioni locali e nazionali per una giornata importante di pulizia, tutela e didattica del S.I.C. di Cala del Cefalo e per un importante momento di riflessione sul tema Plastic free.

“E’ doveroso da parte mia – dichiara lo storico Presidente della CAB Raffaele Esposito, ringraziare tutti gli enti e le istituzioni che hanno raccolto l’invito della CAB, Il presidente del Parco Nazionale del Cilento, Tommaso Pellegrino che è il nostro maggior partner istituzionale, le associazioni, WWF Italia con Luigi Agresti per il contributo al progetto a marchio FIBA /CAB I Lidi nei parchi i lidi amici del mare, Legambiente Nazionale con Sebastiano Venneri, Legambiente Campania con Michele Buonomo e la presidente Regionale Maria Teresa Imparato per il supporto alle iniziative dedicate ai lidi del parco stabilmente richiamati come buona pratica nella prestigiosa guida blu di Legambiente e Touring, all’accessibilità, al progetto di tutela della caretta caretta “tartalove” , la capitaneria di porto attraverso il sostegno del Comandante della Capitaneria di porto di Salerno, C.V. Com. Giuseppe Menna ed i comandi di Palinuro e Marina di Camerota, il Comune di Camerota con il Sindaco Mario Scarpitta ed il delegato all’Ambiente Josè Saturno, la Sarim, la comunità Montana Lambro e Mingardo con il presidente Vincenzo Speranza e la Consac che grazie alla sensibilità del Presidente Gennaro Maione omaggerà i ragazzi delle borracce in alluminio per il discorso Plastic Free”.

“Cala del Cefalo – prosegue il Presidente – rappresenta ormai in maniera emblematica il miglio verde della sostenibilità balneare in Italia, questa progettualità è per noi soprattutto un concetto culturale che parte dalla formazione, dal rispetto delle regole locali, Italiane ed Europee e che produce quindi in termini di rete e servizi una cosiddetta buona pratica sempre più apprezzata dai territori di appartenenza e dagli ospiti nazionali e stranieri. Proprio per questo investiamo in corsi di management turistico sostenibile e siamo partner di Legambiente Onlus e WWF Italia con diverse progettualità che puntualmente stimolano altri territori in Italia creando quel circolo virtuoso importantissimo per le località turistiche e molto spesso alla base di azioni di marketing e promozione del territorio. Con esperti del settore affronteremo tematiche importanti come le iniziative Plastic free, ma anche accessibilità, buone pratiche, spiagge cardio-protette, mobilità sostenibile, marine litter a cura di Rosa Palumbo, tematiche che trovano sempre più il gradimento da parte dell’utenza turistica e la sensibilità di imprese ed imprenditori e per i quali enti ed istituzioni devono garantire le giuste attenzioni anche prevedendo opportuni sistemi di premialità”.

“Siamo convintamente al fianco di queste iniziative – dichiara il Presidente del parco nazionale del Cilento Diano e Alburni Tommaso Pellegrino – la nostra è una azione di sostegno, di coordinamento ma anche di verifica delle corrette gestioni territoriali, frutto di dialogo e concertazione nel rispetto del patrimonio ambientale circostante e tese alla valorizzazione anche turistica dei nostri meravigliosi territori.

Anche il numero uno di Consac Gennaro Maione è soddisfatto dell’iniziativa, “la nostra partecipazione – dice – rientra nell’ambito di un più ampio progetto di educazione ambientale Acqua si…Ma plastic free!, portato avanti da Consac gestioni idriche spa e rivolto agli alunni delle scuole dell’infanzia e primarie di tutto il territorio. Già da diversi mesi abbiamo avviato una massiccia e capillare campagna di informazione e sensibilizzazione all’interno dei diversi istituti, nei quali abbiamo distribuito 13.000 borracce in alluminio riutilizzabile, al fine di promuovere, in un’ampia fascia della popolazione sin dalla primissima infanzia, l’utilizzo corretto dell’acqua del rubinetto e l’abbattimento di almeno 10 milioni di pezzi di plastica monouso, risparmiati all’ambiente in un solo anno”.

Appuntamento dunque lungo il SIC di Cala del Cefalo Giovedì 9 maggio dalle ore 10.

Tags

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito