Brucia il Cilento, ettari di macchia mediterranea distrutti nelle ultime 24 ore. A rischio anche le abitazioni

Tre incendi alimentati dal vento nella giornata di ieri. Ettari di macchia mediterranea distrutti a Centola e Castellabate

Notte di fuoco a Centola. Un incendio di vaste dimensioni ha colpito la località Trivento interessando un’area in prossimità della quale erano presenti anche abitazioni. I vigili del fuoco del distaccamento di Policastro Bussentino hanno dovuto faticare non poco per avere la meglio sulle fiamme. Le operazioni sono durate diverse ore.

Incendi a Centola: gli interventi di spegnimento

Salvi gli immobili mentre sono andate distrutte alcune roulotte e una struttura in lamiera. Insieme ai Vigili del Fuoco presenti anche gli uomini della Protezione Civile di Centola.

L’incendio scoppiato in serata a Palinuro non è stato l’unico che ha interessato il territorio comunale. Un rogo era stato registrato nel pomeriggio nella frazione Foria.

Anche in questo caso provvidenziale l’intervento dei vigili del fuoco e degli uomini della Comunità Montana. Intervenuto anche un mezzo aereo della Regione Campania. Ai carabinieri forestali di Pisciotta il compito di risalire.

Fuoco a Castellabate

A Castellabate, nella serata di ieri, è divampato un vasto incendio in località Maroccia, nei pressi della salita di San Cosimo. Necessario l’intervento da parte dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile Cilento Odv di Castellabate che si sono subito adoperati per cercare di domare le fiamme, alimentate anche dalla presenza del vento.

L’intervento

Le operazioni di spegnimento sono durate diverse ore, con le fiamme che, con il passare del tempo, hanno preso sempre più piede. Ancora una volta si è dimostrato provvidenziale l’intervento tempestivo sul posto da parte dei Vigili del Fuoco e dei volontari che hanno operato sotto la direzione del Dos.

Dopo aver spento l’incendio, sono state svolte attività di bonifica della zona per mettere in sicurezza l’area ed evitare ulteriori problematiche.

CLICCA PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO
Pulsante per tornare all'inizio