Vallo di Diano, riaprono le scuole: preoccupazione per alcune criticità

Nel comprensorio Vallo di Diano, Tanagro e Alburni aprono le scuole. Il presidente del Consorzio Sociale, Vittorio Esposito, ha voluto formulare gli auguri a studenti e personale ma al contempo ha sottolineato alcune criticità registrate sul territorio.

Scuole nel Vallo di Diano: il commento del presidente Esposito

Siamo al fianco del personale della scuola e delle famiglie soprattutto del comprensorio – afferma Esposito – per l’ennesima volta, con l’avvio del nuovo anno scolastico, mancano docenti di sostegno, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici per assicurare il normale funzionamento, in moltissime scuole. In alcune situazioni poi si riscontra la presenza di classi troppo numerose per assicurare il distanziamento e sicurezza”.

Tra le criticità ce n’è una che dura da troppi anni: la mancanza di dirigenti scolastici con le inevitabili reggenze. Tra le 94 scuole in tutta la Campania affidate a reggenti diverse si trovano proprio nel comprensorio Vallo di Diano, Tanagro e Alburni.

L’appello

«Facciamo appello all’Ufficio Scolastico regionale di trovare al più presto soluzioni adeguate. La scuola è un diritto fondamentale e la qualità del servizio scolastico offerto deve essere alla pari in tutto il Paese» dice Esposito.

Infine il presidente Esposito richiama l’attenzione delle istituzioni regionali e nazionali sul tema dello spopolamento e della bassa natalità nei piccoli centri del Diano degli Alburni e del Tanagro. «Occorre trovare soluzioni serie ed immediate per invertire la rotta sul piano della resilienza dei piccoli borghi delle aree interne. Al momento è evidente come ci sia un costante calo di nascite da oltre un decennio con la conseguenza che anno dopo anno calano gli iscritti nelle scuole ed il rischio concreto, in diversi plessi delle scuole d’infanzia e primaria della formazione delle classi. Ad oggi in alcune scuole del Vallo di Diano si manifestano criticità che porteranno già dal prossimo anno a non poter formare più classi».

«Credo sia necessario agire anche dal punto di vista normativo garantendo il diritto alla scuola, alla sopravvivenza della scuola, soprattutto nei piccoli borghi, se pur in presenza di numeri irrisori di iscrizioni», ha concluso Esposito, formulando infine i migliori auguri di buon anno scolastico a tutti gli alunni e studenti delle scuole del comprensorio così come alle loro famiglie.

«Un augurio particolare a tutto il personale docente e non docente che opera nelle scuole con grande responsabilità e grande abnegazione», ha concluso il presidente del Consorzio Sociale Vallo di Diano, Tanagro e Alburni, Vittorio Esposito.

Un commento

  1. Sempre un giorno prima si accorgonodi criticità, caldo , turismo etc . E menomale che il calendario scolastico esce ad anno scolastico precedente ancora in corso. Poi come per magia, esce la scusa di turno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.