A Vallo della Lucania un progetto per prevenire reati di natura sessuale

Un progetto per provenire i reati di natura sessuale. L'iniziativa è dedicata ai detenuti presso il carcere di Vallo della Lucania

VALLO DELLA LUCANIA. Presso la casa circondariale di Vallo della Lucania un progetto finalizzato a sostenere e prevenire fenomeni di violenza e reati di natura sessuale. L’iniziativa permetterà una programmazione di trattamento delle persone detenute rivolto alla loro riabilitazione sociale, alla riduzione del rischio di ricaduta criminale e, in particolare, alla tutela della società. 

Intervenire ai fini riabilitativi, infatti, può ridurre il rischio che vi siano nuove vittime del medesimo reato e, al contempo, favorire la presa in carico della persona in un momento esistenziale particolare come il periodo carcerario, per avviare un percorso di possibile cambiamento e dare alla pena anche un valore terapeutico.

Il progetto avrà una durata di mille ore, da espletare da maggio fino a dicembre 2022. L’adesione da parte dei detenuti sarà volontaria.

I corsi saranno tenuti da operatori che già abbiano avuto esperienza con “sex offender” e dovranno contemplare esperti in psicodiagnostica, arte-terapia, sociologia e psicologia con esperienza criminologica.

CONTINUA A LEGGERE

Costabile Pio Russomando

Studente universitario, iscritto alla facoltà di Lettere, inizia l'attività di giornalista nel 2013, collaborando con alcuni mensili cilentani e occupandosi dell'organizzazione di eventi sul territorio.

Sostieni l'informazione indipendente